A- A+
Milano
Seconde case, ecco gli acquisti preferiti dai milanesi
Bucine

Vacanze nelle seconde case: i milanesi scelgono soprattutto Liguria, Val d'Aosta e laghi lombardi. E sono le famiglie con bambini le protagoniste del mercato delle seconde case: è per loro circa una vendita su quattro (24,6%), anche se un acquirente su otto è un professionista. Ma il mercato delle seconde case risente della crisi: per circa il 46% delle agenzie è infatti rallentato. I milanesi che possono permetterselo acquistano soprattutto al mare o in altre città italiane (26,2% in entrambi i casi).

Sono questi alcuni dei dati che emergono da un'indagine della Camera di Commercio di Milano (attraverso TeMA, società consortile della Camera di Commercio di Milano) e di FIMAA Milano Monza & Brianza (Collegio Agenti d'Affari in mediazione della Province di Milano e Monza e Brianza), aderente a Confcommercio. L'indagine è stata realizzata a luglio 2014 su circa sessanta di agenti immobiliari Associati FIMAA Milano Monza & Brianza e specializzati nel settore delle case vacanza.

Le località italiane più gettonate sono Courmayeur in Valle d'Aosta e Cinque Terre (entrambe con il 16,4%), Lago di Como (14,8%), Lago di Garda e Golfo del Tigullio con Portofino (9,8%), Madonna di Campiglio (8,2%). Seguono Cortina, Isola d'Elba e Riviera Romagnola. E tra le regioni spiccano Liguria (39,3%), Lombardia (23%) e Valle d'Aosta (14,8%). All'estero vanno per la maggiore: Costa Azzurra (14,8%), Londra (11,5%), New York (9,8%), Berlino (8,2%), Parigi e Baleari (6,6%). Ma che cosa si cerca nell'acquisto? Soprattutto appartamenti (47,5%), intorno ai 60 metri quadrati, da acquistare in primo luogo per fare un investimento (27,9%), per passarci le vacanze (18%) o da affittare (9,8%). L'importante è che siano facilmente raggiungibili da Milano (34,4%), soprattutto in auto (44,3%) e con un tragitto preferibilmente non superiore a due ore.

Tags:
milano







A2A
A2A
i blog di affari
Covid, lockdown in autunno: la colpa sarà dei non benedetti dal siero
L'OPINIONE di Diego Fusaro
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.