A- A+
Milano

"La Città della Salute e della Ricerca è una delle opere più importanti che ritengo di dover realizzare nel corso del mio mandato da presidente della Regione Lombardia. E oggi siamo qui per sottolineare l'importanza che noi diamo a questo progetto, un progetto di eccellenza a livello europeo, in materia sanitaria, di cura e prevenzione". Lo ha affermato il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni nel corso della conferenza stampa successiva alla firma della convenzione sottoscritta con il Comune di Sesto San Giovanni (Milano) per la Città della Salute e della Ricerca. Il presidente, accompagnato dal vice presidente della Regione e assessore alla Salute Mario Mantovani, ha tenuto a sottolineare il ruolo strategico che rivestirà la collaborazione con il territorio, con il Comune di Sesto San Giovanni e il sindaco Monica Chittò: "Con il sindaco di Sesto San Giovanni lavoreremo in stretto contatto per un coordinamento concreto, perchè tutto l'ingente lavoro che abbiamo davanti proceda senza intoppi".

"Questa è la strada che voglio seguire - ha ribadito Roberto Maroni - quella del rapporto di leale collaborazione sul piano istituzionale, perchè questo è il metodo che serve per risolvere i problemi che ogni giorno troviamo sul nostro percorso ed è il metodo che sto già sperimentando con successo insieme al sindaco di Milano Giuliano Pisapia per quanto riguarda la questione Expo". - "Venendo qui - ha precisato il presidente Maroni - abbiamo voluto rimarcare l'importanza del contesto in cui viene inserito questo progetto, cioè il territorio, inserire questo progetto qui, a Sesto San Giovanni, e non altrove non è la stessa cosa. In questi mesi si è polemizzato e scritto molto sul fatto che Sesto San Giovanni non è Milano e secondo alcuni è una periferia. Per noi non è così, perchè per noi non esiste periferia o centro, esiste il territorio e questo è il centro da cui partiranno poi una serie di iniziative, per valorizzare questo investimento sul futuro, un investimento strategico per il modello sanitario lombardo, un investimento rilevante anche in termini economici per la Regione Lombardia". "Vogliamo che tutto sia fatto nei tempi previsti - ha specificato il presidente della Regione Lombardia - e vigileremo con gli organi preposti a cominciare già dalle bonifiche di novembre. Vogliamo che tutto avvenga nel modo più rapido ed efficiente possibile, rispettando i tempi previsti, che sono molto stretti, visto che, già nel gennaio 2014, vogliamo che la stazione appaltante, ovvero Infrastrutture Lombarde, disponga dei progetti preliminari". Secondo il vice presidente della Regione ed assessore alla Salute Mario Mantovani: "Questa grande opera trasformerà Sesto San Giovanni dalla città dell'acciaio alla città della ricerca. La città della Salute e della Ricerca non sarà solo un istituto clinico ma un polo di ricerca sanitaria pubblica". "L'evoluzione della scienza medica, con le cellule staminali e con lo studio del Dna, ci obbliga - ha concluso Mario Mantovani - a puntare sulla ricerca biomedica".

Tags:
sesto città salute







A2A
A2A
i blog di affari
Matteo Pittaluga: l'aspetto mentale per diventare Social Media Manager
Dario Ciracì
il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte
Il mercato dei corsi fitness e le prospettive post-pandemia
Elena Vertignano


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.