A- A+
Milano
Spaccio di hashish dal Marocco e matrimoni "simulati": 23 arresti

I carabinieri del Comando Provinciale di Varese, dalle prime luci dell'alba di oggi stanno dando esecuzione a 23 misure cautelari nei confronti degli appartenenti ad un'organizzazione criminale dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti in tutto il Nord Italia. Lo stupefacente, prevalentemente hashish, giungeva dal Marocco in Italia attraverso l'aeroporto internazionale di Malpensa, mediante corrieri "ovulatori". Il gruppo criminale aveva posto in essere un'attivita' di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina mediante la celebrazione di matrimoni "simulati", tra cittadini italiani ed extra-comunitari, che servivano a far ottenere il permesso di soggiorno a questi ultimi. L'attivita' di indagine dei carabinieri della Compagnia di Busto Arsizio avviata alla fine del 2013 ha consentito di individuare una trentina di "matrimoni fittizi" del genere svoltisi sia in Italia che in Marocco.

Tags:
spaccioarrestihashish






A2A
A2A
i blog di affari
Covid, lockdown in autunno: la colpa sarà dei non benedetti dal siero
L'OPINIONE di Diego Fusaro
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.