A- A+
Milano
Spogliarellista musulmana ricattata dall'ex: 'Dico ai tuoi che lavoro fai"

Mesi di persecuzioni, minacce, furti e violenze sessuali: l'incubo di una 38enne di nazionalita' marocchina residente a Sesto San Giovanni, nell'hinterland milanese, e' finito lunedì, quando i carabinieri hanno finalmente arrestato l'ex compagno, un connazionale di 33 anni con diversi precedenti alle spalle. L'uomo, dopo la fine della loro storia, la vessava di continuo minacciando di svelare la verita' alla famiglia di lei: la donna, infatti, si mantiene lavorando come spogliarellista in alcuni locali milanesi. Un'occupazione che i suoi genitori, musulmani tradizionalisti, avrebbero trovato inaccettabile. Con questo ricatto l'ex e' riuscito per mesi a sottrarle denaro, l'auto, il cellulare e a costringerla a numerosi rapporti non consenzienti, nonostante la loro storia fosse finita da tempo. La donna ha trovato il coraggio di denunciarlo nel settembre scorso e l'aguzzino, consapevole che i carabinieri di Sesto San Giovanni erano sulle sue tracce, e' fuggito in Marocco per diversi mesi. Lunedì, appena atterrato all'aeroporto di Genova, e' stato arrestato: per lui le accuse sono di violenza sessuale, atti persecutori continuati e aggravati, rapina.

Tags:
ricattospogliarellistasesto san giovanniabusiviolenza sessuale







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass obbligatorio e lockdown annunciati: il ritorno alla nuova normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati
Green pass obbligatorio, nuovo mezzo di schedatura totalitaria dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.