A- A+
Milano

di Fabio Massa e Tommaso Cinquemani

Europeista convinta, con esperienza nelle Istituzioni comunitarie e al Parlamento italiano. E’ questo il profilo di Alessia Mosca che emerge dal video di auto-presentazione che Affaritaliani.it ha potuto visionare in anteprima e che pubblica integralmente. “La mia prima grande occasione è stato uno stage al Parlamento europeo, da dove è nata la mia passione per l’Europa”, spiega la deputata democratica che ha voluto scegliere, per la sua campagna elettorale, il simbolo della mosca. Una campagna elettorale nella quale ha avuto un ruolo importantissimo parte dello staff che già supportò la campagna vincente di Giuliano Pisapia alle amministrative di Milano del 2011, che si è unito al gruppo storico della Mosca, che la segue da anni.

Lettiana di ferro, vicepresidente dell’Associazione360, ha fatto parte della segreteria tecnica dell’allora sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Letta. Vicinanza che, secondo molti, le avrebbe dovuto sbarrare la strada alle Europee dopo la nomina di Matteo Renzi a Palazzo Chigi. E invece, oggi, nel presentare le varie candidature capolista d’Italia, il premier ha usato parole di stima e di riconoscimento della professionalità e della competenza “non solo in campo europeo”.

Eletta deputato nel 2008 tra le fila del Partito democratico, Mosca è stata poi riconfermata nel 2013 e scelta come capogruppo Pd nella Commissione Politiche europee. Impegnata da sempre sul tema del lavoro, ha infine deciso di provare la strada che porta a Bruxelles. “Dopo l’esperienza al Parlamento nazionale mi sono resa conto che il 70% della normativa italiana è di derivazione europea”, spiega Mosca nel suo video. “Penso perciò che sia lì il luogo dove si debba essere. Tutte le mie attività sono state fatte in chiave europea, è per questo che mi dispiace in modo particolare per questa perdita di entusiasmo per il progetto comunitario”.

Europeista convinta, si diceva, e infatti Mosca non vuole rottamare l’Unione, né uscire dall’euro. “Io in questo progetto ci credo ancora e credo che si debba lavorare per una Europa più a misura d’Italia e perché si usino le opportunità che già oggi l’Europa ci offre ma che noi non usiamo perché non le conosciamo”.

Tags:
staff pisapia







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, a cosa serve realmente la tessera verde?
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.