A- A+
Milano

E'un bilancio pesantissimo quello presentato stamani dall'Osservatorio utenze deboli alla Provincia di Milano: +24% di morti in incidenti stradali nel 2012, un aumento che riguarda nella sua totalita' le fasce meno protette degli utenti della strada, vale a dire pedoni, ciclisti e motociclisti. A fronte di una diminuzione del 6% del numero generale degli incidenti sulla provincia di Milano e di un dato nazionale ancor più positivo (-9%) , e di una crisi del settore auto che ha portato a un -20% delle immatricolazioni di auto e moto e a un +8% dell'uso di mezzi pubblici, "ci si poteva aspettare una riduzione dell'incidentalita' urbana almeno in misura corrispondente alla riduzione del traffico", si legge nell'indagine.

I dati dell'Osservatorio sono in controtendenza rispetto a quelli nazionali, che registrano un calo del 5% dei morti sulle strade. A Milano citta', invece, "le utenze deboli sono sempre più a rischio", denuncia l'indagine: nel 2012 il 71% degli incidenti ha coinvolto pedoni, ciclisti e motociclisti, con una percentuale altissima (77%) di queste fasce di utenza tra i morti a causa di un sinistro stradale. Più' nello specifico, il 40% dei morti sono pedoni, per il 65% di eta' superiore ai 65 anni. Di poco migliore il dato della Provincia, che vede comunque la maggioranza assoluta degli incidenti (52%) coinvolgere pedoni, ciclisti o motociclisti. Il bilancio finale e' di 45 morti nel 2012 per Milano citta', a fronte dei 39 dell'anno precedente, mentre sono 44 (contro i 25 del 2011) i decessi registrati nel resto del comprensorio metropolitano. "Questi dati sono la conseguenza di comportamenti sbagliati degli utenti", commenta Antonio Pinna Berchet, presidente dell'Osservatorio utenza deboli: "E'un problema globale, che non riguarda solo i giovani, e che puo'essere risolto solo eliminando certe cattive abitudini pericolose, come l'uso dei cellulari alla guida, l'eccessiva velocita' e una disattenzione diffusa".

Tags:
milano






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.