A- A+
Milano

Taglio sempre più straniero, molti i negozi etnici a Milano. Sono 552 i parrucchieri e gli estetisti stranieri in città, circa un'attività su nove tra le imprese individuali del settore. Un fenomeno in crescita, +19% rispetto al primo trimestre 2012 e in controtendenza rispetto alla leggera contrazione dei professionisti italiani, -0,5% di ditte in un anno.

I nuovi "barbieri" meneghini sono soprattutto cinesi, con il 51,8% delle imprese individuali attive tra i non italiani, in crescita del 30,6% rispetto a tutto al settore. Seguono marocchini (5,6%), dominicani (3,1%), svizzeri (2,7%) e brasiliani (2,5%). Un fenomeno recente, considerando che delle 286 imprese individuali con titolare cinese, il 20,3% è nato nel 2011 e il 32,9% nel 2012. Donna e giovane il coiffeur tipo cinese, il 64,3% dei titolari appartiene infatti al gentil sesso e quasi la totalità dei titolari ha un'età compresa tra i 18 e i 49 anni. Milano è la prima provincia italiana per numero di imprese: nell'area milanese, infatti, si concentra il 27,9% dei parrucchieri cinesi che lavorano in Italia. Seconda Torino (7,2%) e terza Bologna (5,1%). Emerge da un'elaborazione della Camera di commercio di Milano su dati del registro imprese al primo trimestre 2013.

Tags:
tagli etnici







A2A
A2A
i blog di affari
Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
Gianluca Massini Rosati
L’intelligence come tutela della democrazia del Paese
Daniele Salvaggio, Imprese di Talento
Solidarietà ai bielorussi contro Lukashenko, ultimo dittatore d’Europa
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.