A- A+
Tori&Orsi di Lombardia
Tori&Orsi di Lombardia/ Blue Note, il Jazz che non piace alla Borsa

di Alessandro Pedrini per Affaritaliani.it Milano

PILLOLA DI BORSA

Blue note è sbarcata in Borsa all’AIM il 22 luglio 2014 collocando circa 440mila azioni ordinarie (il 39,68% del capitale) ad un prezzo di 3,12 euro per azione e raccogliendo sul mercato 1,4 milioni di euro. Il primo giorno di quotazione è stato deludente con una perdita del 4,8%. Dalla quotazione ad oggi il titolo ha segnato un -6% e non ha mai registrato picchi significativi, registrando il minimo storico a 2,16 per azione a fine gennaio di quest’anno. Capitalizzazione e scambi bassi.


PER SAPERNE DI PIU’

La società Blue Note spa è la società proprietaria del noto “Blue Note Milano”, il jazz club e ristorante che ha aperto i battenti il 19 Marzo 2003 in via Borsieri, a Milano e incluso nel network dell'omonimo locale al Greenwich Village di New York. Il locale è unico nel panorama italiano dell’entertainment di matrice jazz e offre oltre 300 spettacoli l’anno, circa il 25% del mercato jazz italiano. Blue Note Milano offre anche ai propri clienti un ristorante e produce festival estivi ed eventi per i propri partners e clienti.  Blue note è in partnership con Radio Monte Carlo che trasmette ogni settimana in diretta dal Blue Note.


IL FONDATORE PAOLO COLUCCI MAGGIOR AZIONISTA, CREDIT SUISSE AZIONISTA AL 5%

Il fondatore Paolo Colucci, senior partner dello studio LCA di Milano, è l’azionista di riferimento con una quota del 36%. Da segnalare la presenza, tra gli azionisti significativi, del gruppo bancario svizzero Credit Suisse con una quota di poco superiore al 5%. Il flottante di Borsa è circa il 40% del capitale. Gli altri azionisti rilevanti sono: Andrea Lops, Marco Costaguta e Giovanni Lega.

PERFORMANCE, SCAMBI E CAPITALIZZAZIONE DELUDENTI

A circa un anno dalla quotazione gli azionisti che hanno scommesso su questa azienda di entertainment milanese, certamente non brindano, anche se, c’è da sottolineare che, rispetto all’andamento generale dell’AIM, l’azione ha perso in percentuale meno dell’indice. Siamo però molto lontani dalle performance di molte matricole presenti su questo mercato che hanno segnato performance a due e tre cifre.

Al 30 maggio 2015 (ultimi dati ufficiali di Borsa Italiana) la società segnava una capitalizzazione di mercato  intorno ai 4, 1 milioni di euro, tra le più basse dell’intero indice, con una media giornaliera di scambi di circa 9.000 euro (anche questa tra le più basse dell’AIM).

TRASPARENZA SOCIETARIA E FRUIBILITA’ DEI DATI SEGNO DI PROFESSIONALITA’

C’è da sottolineare che la società spicca per trasparenza, velocità e fruibilità dei dati economici e finanziari. Nel mercato AIM, “Blue Note” è sicuramente una delle società più trasparenti e che si sono dotate di un sistema informativo agli azionisti di primissimo livello, stile anglosassone, raro esempio in Italia. Tutte le informazioni sono facilmente accessibili e chiare.

RICAVI 2014 IN LEGGERA CRESCITA, EBITDA ANCORA NEGATIVO E PERDITA PER 300MILA EURO

Blue Note ha chiuso il 2014 con un valore della produzione pari 3,9 milioni di euro, in aumento del 3,1% rispetto ai 3,78 milioni dell’esercizio precedente. L’EBITDA è ancora negativo (-70mila) e cala leggermente rispetto all’esercizio precedente (-50mila), anche a causa dei costi legati alla quotazione. Il 2014 segna una perdita di 301mila euro rispetto ai  -274mila dell’esercizio precedente. Patrimonio netto pari a 844mila euro e PFN negativa per 351mila euro. 


2015 SPERANDO IN EXPO

Il Cda dell’azienda ha approvato l’apertura straordinaria dell’attività nei mesi di giugno, luglio ed agosto, al fine di sfruttare al meglio le opportunità̀ derivanti dalla presenza, nella città di Milano, dell’evento EXPO 2015. Questa occasione internazionale dovrebbe far registrare un incremento dei ricavi per l’esercizio in corso.

I RISCHI E LE OPPORTUNITA’ 

Blue Note, unica azienda di questo tipo presente in Borsa, proprio per il tipo di attività svolta è soggetta a rischi intersechi. Da segnalare che il contratto di licenza del marchio “Blue Note” scadrà nell’esercizio 2020 e un suo eventuale mancato rinnovo potrebbe incidere significativamente sul valore dell’avviamento e sull’intero business. Altra incertezza è la continuità del rapporto di partnership con Radio Monte Carlo che ad oggi funge da volano per il business. Un altro punto di attenzione deriva dall’arena competitiva all’interno della quale l’azienda svolge la sua attività: la piazza milanese è in continua evoluzione e la concorrenza si è fatta negli ultimi anni sempre più pressante. Fortunatamente Blue Note si è creata una nicchia di mercato ed è diventata il punto di riferimento degli appassionati di questo genere musicale. La crisi economica generale, infine, non ha giocato sicuramente a favore dei conti del gruppo. Una lenta ma costante ripresa potrebbe riportare i ricavi a crescere in maniera importante.

Tags:
lombardiablue noteborsa
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Mio marito controlla tutti i soldi. Come reagire alla violenza economica?
di Avv. Marzia Coppola*
Just Cavalli Milano: è tempo di Brunch, perché il pomeriggio è la nuova notte!
Francesca Lovatelli Caetani
Lo Statuto dell’Organizzazione delle Nazioni Unite compie 75 anni
Paolo Brambilla - Trendiest


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.