A- A+
Milano
Ultimo giorno per la provincia di Milano

Ultime ore di vita per la Provincia di Milano che scomparirà dopo 154 anni. Oggi pomeriggio si riunirà per l’ultima volta l’assemblea di Palazzo Isimbardi. I 45 membri si confronteranno su mozioni e ordini del giorno prima di lasciare l'incarico. L’attività della giunta proseguirà invece fino al 31 dicembre per l’amministrazione ordinaria.

Intanto il presidente della Provincia Guido Podesta' non esclude di prolungare la sua attivita' a Palazzo Isimbardi nei sei mesi concessi per legge dopo il termine naturale del mandato, verso la costituzione della citta' metropolitana, ma chiede al governo maggiore chiarezza sulle competenze e le modalita' di lavoro nel periodo di transizione.

"Sto verificando alcune cose e sto maturando l'idea di proseguire - ha infatti detto Podestà venerdì a margine del Premio Isimbardi - anche se ci sono difficolta' sto maturando idea di dare ancora un contributo per fare un corretto passaggio di consegne". In particolare il presidente della Provincia ha richiamato sulla necessita' di un dpcm "che chiarisca cosa effettivamente possiamo fare" e ha poi definito "demagogica" la disposizione che prevede che il lavoro nei mesi "extra" mandato sia a titolo gratuito. "Lo trovo improprio ed e' un problema non tanto per me, ma per tutte le persone che lavorano nell'amministazione e che magari hanno anche una famiglia a carico".

Tags:
milano







A2A
A2A
i blog di affari
"Unite civilmente, se una delle due morisse a chi va l'eredità?"
di Avv. Violante Di Falco *
De Donno, eroe della medicina democratica che non piaceva ai potenti D. FUSARO
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
di Francesca Micoccio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.