A- A+
Milano
Un museo sul Lavoro? Un carrozzone tira l’altro. Lo spillino


Un carrozzone tira l’altro. Tale professor Mattia Granata, ha lanciato la brillante idea di un museo sul Lavoro, come palestra per “perpetuare la memoria”, appunto del lavoro e delle sue origini. Un modo per ingrassare una schiera di ricercatori del nulla a carico magari del Comune. Perché di raccolte e archivi del lavoro a Milano, nelle imprese e nel sindacato ce ne sono tanti e non si sente il bisogno di moltiplicarli. Perché il problema più grosso è formare i tanti giovani che pensano di diventare gnomi della rete, mentre a Milano occorrono anche panettieri e idraulici. E a proposito di carrozzoni e poltrone da occupare, se la memoria non c’inganna, il professor Granata non è forse vice presidente dell’Afol metropolitana? Una specie di grande ufficio di collocamento dei giovani che, evidentemente non poteva fare a meno di un vice presidente. A proposito di collocamento.

Tags:
museo del lavorospillinomattia granata









UNA RETI
A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Testamento, un genitore può lasciare tutta l’eredità a uno solo dei figli?
di avvocato Rebecca Sinatra*
Lockdown e restrizioni, ma nel frattempo arrivano migliaia di migranti deportati dall'Africa
Di Diego Fusaro
ALTERNATIVA AL FINANZIAMENTO SOCI


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.