A- A+
Milano

Una serata dedicata all'Aquila a quattro anni dal sisma. Storie e immagini per raccontare vita, sogni e ostacoli dopo il 6 aprile 2009. Alle 21 di domani Cornate d'Adda (Monza) ha scelto di dedicare una serata, ospitata nella biblioteca civica, a una tra le principali tragedie della storia recente italiana, ripercorse con gli occhi di chi le ha vissute. L'occasione e' data dalla presentazione del libro 'Ventitre secondi' (Kellerman) di Alessandro Aquilio, di cui la cantautrice Paola Turci ha curato l'introduzione e definito da Walter Veltroni "un libro universale", e del mediometraggio "La tana del bianconiglio" di Linda Parente che vede tra gli interpreti Maria Grazia Cucinotta.

Aiutare a ricordare, o meglio a non dimenticare. Con questo intento nasce la serata di domani dedicata interamente al terremoto che il 6 aprile di quattro anni fa ha messo in ginocchio L'Aquila, causando il decesso di 309 persone e cambiando la vita di tutti i suoi abitanti. Due le testimonianze: quella, appunto, di Alessandro Aquilio, e di Linda Parente, regista del mediometraggio "La tana del bianconiglio" che sara' proiettato nel corso dell'evento. Al centro dell'iniziaiva, il coraggio delle popolazioni colpite nell'affrontare il dramma del terremoto, il desiderio di raccontare cosa sia L'Aquila oggi e il desiderio di rinascita. Ventitre secondi di cui la cantautrice Paola Turci ha curato l'introduzione, da mesi sta percorrendo l'Italia e l'Europa per far si' che si continui a parlare dell'Aquila: 50 citta' toccate sino ad ora, compreso il Salone del Libro di Torino, Londra (dove ha ricevuto l'apprezzamento dell'ambasciata italiana) e Basilea (dove ha ricevuto l'Ace Award).

Conta una pagina Facebook con 2.500 iscritti e prosegue il proprio impegno per non far dimenticare il terremoto dell'Aquila, nella convinzione che la ricostruzione sia in primo luogo un diritto e un dovere degli aquilani, nessuno escluso. Ma anche dei Governi (centrale e locale) che devono far propria la tragedia aquilana. "Ringrazio di cuore gli organizzatori per aver scelto il mio libro come eco delle storie di migliaia di miei concittadini e per aver scelto di ricordare L'Aquila, a quattro anni da quella terribile notte. Per noi aquilani e' fondamentale che l'Italia non dimentichi cio' che e' stato e che ancora e'" commenta l'autore Alessandro Aquilio. "Nel mio racconto ho scelto di raccontare il dramma di 100.000 persone attraverso la storia che conosco meglio, quella che ho vissuto. Il torto peggiore che l'Italia puo' fare agli aquilani e' l'oblio. Questo romanzo nasce in primis come gesto d'amore per la mia citta', ma anche come mezzo per squarciare il velo di polvere o silenzio che rischia di coprire macerie e vite".

Tags:
monza aquila







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.