A- A+
Milano
Unipol sfratta Forza Italia Lombardia. Inside

di Fabio Massa

Addio viale Monza, il Pdl (o meglio, Forza Italia), se ne va. Ma questa volta sul serio. Perché per tanto tempo si è vociferato della volontà da parte del partito di Berlusconi di cambiare la sede milanese del partito. Troppo decentrata, e soprattutto troppo grande, quella in viale Monza, seppur storica "casa" degli azzurri lombardi. Alla fine il dado è stato tratto, ma non dalla dirigenza lombarda, oggi guidata da Mariastella Gelmini. Il Tribunale, infatti, avrebbe dato il via libera allo sfratto esecutivo da viale Monza. Il motivo è semplice: ci sono fatture non pagate per circa 200 mila euro. Un totale di tre trimestri. L'udienza, fissata il 13 gennaio, è stata rinviata, ma ormai non c'è più niente da dire. Forza Italia deve trovarsi una nuova casa e deve farlo subito. Circa 30 giorni sono ancora quelli disponibili per la ricerca. Lo stabile è di quelli precedentemente di proprietà di Salvatore Ligresti, che tuttavia non era mai stato particolarmente "arcigno" nelle riscossioni. Adesso invece Unipol sta applicando una regola di recupero crediti e di dismissione degli asset non strategici. La conclusione è una sola: Forza Italia se ne andrà. E questa volta sarà per davvero.

@FabioAMassa

Tags:
unipol forza italia







A2A
A2A
i blog di affari
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.