A- A+
Milano
Vezzosi nuovo ad di Te. Maullu resta nel cda

Avvicendamento al vertice di Tangenziale Esterna, la Spa che, grazie al closing del Piano finanziario da 2,2 miliardi di euro conseguito il 21 dicembre scorso, sta realizzando la Tangenziale Est Esterna di Milano (32 chilometri di tracciato autostradale da Agrate Brianza a Melegnano, 38 di arterie ordinarie integrate e connessioni con BreBeMi, A4 e A1).

Preso atto che, dal 25 novembre scorso, la Concessionaria è passata sotto il controllo del Gruppo Gavio in virtù della sottoscrizione da parte di SIAS, Tangenziali Esterne di Milano (40% SIAS, 17,5% Intesa San Paolo e 1,6% Itinera) e Intesa San Paolo delle quote che risultavano rimaste totalmente inoptate rispetto all’aumento di capitale da 200 a 465 milioni di euro deliberato a luglio, l’amministratore delegato Stefano Maullu, indicato nel gennaio 2013 dalla Provincia di Milano e il cui mandato sarebbe scaduto nel marzo-aprile 2015 in concomitanza con l’approvazione del bilancio 2014, ha, infatti, rimesso oggi carica e deleghe nelle mani del Consiglio di Amministrazione, peraltro convocato presso la sede di viale della Liberazione 18 con punti all’ordine del giorno diversi dall’assetto di governance.

Il CdA ha apprezzato la decisione assunta da Maullu al punto da confermarlo consigliere d’amministrazione e da affidargli la delega a Relazioni istituzionali e Rapporti con il territorio e s’è premurato di nominare al suo interno il nuovo amministratore delegato nella persona di Claudio Vezzosi, 52 anni, top manager del Gruppo Gavio e attuale ad di Itinera.

"Quelli a capo della Spa si sono rivelati 12 mesi caratterizzati da enormi soddisfazioni e da una straordinaria sintonia con tutt’e 15 i dipendenti - ha argomentato Maullu -. Mi riempie d’orgoglio che un’équipe tanto contenuta nei numeri sia riuscita a cogliere risultati fondamentali come il closing finanziario e il rispetto dei tempi previsti per la costruzione. La tolda di comando, d’altra parte, è cambiata e m’è parso giusto rimettere il mandato di amministratore delegato. Continuerò, comunque, a lavorare nell’interesse di TE attraverso le deleghe conferitemi".
"Mi entusiasma l’idea di poter contribuire anche attraverso le mie competenze ingegneristiche alla trasposizione dalla carta millimetrata alla realtà di un’opera destinata a modernizzare l’area italiana a più alta produttività - ha dichiarato il neo ad Vezzosi -. Alla guida di TE, Società finora portata avanti da Maullu e dal presidente Raffaello Berardi con una ridotta, efficace e giovane squadra, mi impegnerò per concretizzare una delle più importanti operazioni messe a segno, negli ultimi trent’anni, dal Gruppo Gavio, che sta confermando di credere fermamente nel nostro Paese continuando a investire pure nel settore delle infrastrutture.  Sono sicuro, insomma, che ci dimostreremo in grado di centrare sia l’obiettivo di aprire l’Arco TEEM (7,5 chilometri) nel giugno 2014 in modo da consentire a BreBeMi, che verrà inaugurata contestualmente, di accedere alla rete viaria della Grande Milano, sia il traguardo di fare entrare in esercizio l’intera opera nella tarda primavera 2015 così da non mancare l’appuntamento con Expo".

Tags:
vezzosi maullu







A2A
A2A
i blog di affari
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola
Passa la linea Draghi: via libera all'agenzia cyber


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.