A- A+
Milano

 

 

ada de cesaris

I cittadini di via Scaldasole, a Milano, possono stare tranquilli. Il loro piccolo pezzo di verde non verrà "occupato" da altro cemento. A dirlo, in replica all'articolo di Affaritaliani.it, è la vicesindaco con delega all'Urbanistica Ada Lucia De Cesaris. "L'area di via Scaldasole non è più pubblica, in quanto era stata inserita dalle precedenti amministrazioni nel Fondo di BNP Paribas, che, quindi, ne è proprietario.

Ciononostante non appena preso atto della problematica, vista la tipologia del luogo, l'Amministrazione ha immediatamente avviato un'interlocuzione con il privato per trovare una soluzione. Sull'area non c'è nessun progetto in corso e BNP Paribas ha accettato di rinunciare allo sviluppo, valutando la possibilità di trasferire le volumetrie altrove. L'obiettivo è ora quello di assegnare definitivamente quell'area al verde per i cittadini del quartiere".

Insomma, nessun palazzo (e nessuna paura). I cittadini potranno ora tranquillizzarsi, dopo una mobilitazione che ha portato anche a una raccolta firme nel week end. “Ringraziamo sia il Consiglio di Zona che il vicesindaco De Cesaris per l'ascolto che hanno saputo dare alle istanze dei residenti, recependo la nostra richiesta di fermare il progetto edilizio e di aprire ad una iniziativa per il mantenimento del verde - afferma Luca Greco, residente del quartiere e principale animatore dell'iniziativa ‘Salva-sole’ che ha dato il via alla raccolta di firme -. Adesso dovremo dar seguito a questo risultato definendo un progetto per l’area che ne preveda il mantenimento definitivo, evitando il rischio di degrado: come residenti, mettiamo subito a disposizione il nostro impegno anche di volontariato per riqualificare e custodire l'area”

Chiude Legambiente: “L'amministrazione milanese ha dimostrato di voler rispettare gli impegni assunti con i cittadini che hanno a cuore il verde urbano e che lo hanno affermato, in modo forte e chiaro, con il voto al secondo quesito dei referendum per Milano - dichiara Damiano Di Simine, presidente di Legambiente Lombardia -. Ne siamo felici e ci aspettiamo che si passi ai fatti, affinché quell'angolo di verde superstite resti per sempre a disposizione del quartiere”. Tutto è bene quel che finisce bene.

Tags:
via scaldasole







A2A
A2A
i blog di affari
Green Pass: l'umanità ha disperato bisogno di uomini come Fabrizio Masucci
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Matteo Pittaluga: l'aspetto mentale per diventare Social Media Manager
Dario Ciracì
il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.