A- A+
Milano
Viaggio nel cantiere della Metro 5. Ecco la nuova linea di Milano. Video

Metro5 S.p.A., società concessionaria per la progettazione esecutiva, la costruzione e la gestione – per conto del Comune di Milano – della linea 5 della metropolitana cittadina, e società al cui capitale partecipano Astaldi S.p.a.,  Ansaldo STS S.p.A., AnsaldoBreda S.p.A., Alstom Ferroviaria S.p.A. e ATM S.p.A., ha già aperto 9 fermate della Linea Lilla M5 da Bignami a Garibaldi e, attraverso la sua controllata Metro 5 Lilla, sta completando la tratta da Garibaldi a San Siro con 10 fermate. Metropolitana Milanese S.p.A. ha redatto il progetto e sta svolgendo l’attività di Alta Vigilanza.

La Linea Lilla M5 dall’1 marzo 2014 è aperta all’esercizio commerciale da Bignami a Garibaldi, attraverso 9 stazioni per un totale di 6,1 km e permette, con un trasporto medio giornaliero intorno ai 50.000 passeggeri, di connettersi con la Linea Verde M2, il passante Ferroviario con interconnessione diretta con la Stazione Garibaldi della M5 (oltre all’interscambio con la M3 a Zara).

La Linea Lilla M5 ha una frequenza dei treni di 3 minuti nelle ore di punta e di 4 minuti nella fascia “di morbida” giornaliera. Ogni treno della Linea Lilla M5 può trasportare fino a 536 persone, con 72 posti a sedere e 2 spazi per agganciare in sicurezza sedie a rotelle, per una capacità di trasporto totale di oltre 10.000 passeggeri ogni ora in ciascuna direzione.

Nel 2015 la Linea Lilla si allungherà complessivamente di 9 fermate. Entro il 30 aprile, prima dell’apertura di EXPO, prevista per l’1 maggio 2015, sarà inaugurata l’intera tratta da Bignami fino allo Stadio di San Siro con l’apertura delle stazioni Domodossola, dove vi è l’interconnessione con le Ferrovie Nord, Lotto, dove vi è l’interconnessione con la Linea 1, Segesta e San Siro Ippodromo.

Le stazioni attualmente operative sono: Bignami, Ponale, Bicocca, Ca’ Granda, Istria, Marche, Zara, Isola, Garibaldi.

Le stazioni che verranno aperte a fine ottobre 2015 saranno: Monumentale, Cenisio, Gerusalemme, Tre Torri e Portello.

Una volta ultimata, la Linea Lilla M5 collegherà la città per 12,8 chilometri da Bignami a San Siro con un tempo di percorrenza di 26 minuti. E questo permetterà una riduzione
stimata di 15 milioni di spostamenti automobilistici privati all’anno, con una diminuzione importante di inquinanti e con un risparmio pari a 8.470 tonnellate equivalenti di petrolio all’anno.

Oggi Milano può contare su una rete metropolitana di livello europeo, con 103 stazioni per 94 chilometri. E’ la prima in Italia per estensione e con l’intera Linea Lilla M5 salirà a 113 stazioni e supererà i 100 chilometri di estensione.
 
La linea M5 è la prima linea della città completamente automatizzata, ossia senza conducente (driverless): il sistema driverless UTO (Unattended Train Operation), oltre a consentire il funzionamento della linea M5 in modo completamente automatico, permette il controllo assolutamente sicuro di tutti gli elementi del sistema (scambi, segnalamento, distribuzione elettrica, etc.).

Il sistema, progettato e realizzato in conformità alle più recenti normative europee, garantisce ai passeggeri i più elevati standard di sicurezza, consente di ottimizzare le frequenze in base alla domanda e di ridurre costi e impatti.

Tags:
metro 5







A2A
A2A
i blog di affari
Green Pass: l'umanità ha disperato bisogno di uomini come Fabrizio Masucci
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Matteo Pittaluga: l'aspetto mentale per diventare Social Media Manager
Dario Ciracì
il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.