A- A+
Milano

Il rapporto tra il PD e gli "arancioni" non è mai stato granché lineare. Alcuni lo vivono come una sorta di competizione interna al centrosinistra, mentre per altri si tratta di due facce della stessa medaglia. Tra gli "arancioni" del PD c'è sicuramente Lorenzo Zacchetti, quarantenne vicino a Pisapia sin dalle primarie milanesi ed in seguito entrato nel partito, dove è coordinatore del forum sport e consigliere di zona 7. Teorico di un "PD arancione" non vede nulla di strano nelle ultime dichiarazioni del primo cittadino milanese: "Mi stupiscono semmai coloro che, all'interno del PD, pensano che ci sia sotto chissà che cosa o che addirittura sostengono che Giuliano non abbia il diritto di esprimere la sua preferenza, perché non è iscritto al PD. Ma come? Andiamo verso un congresso che tutti auspicano aperto e poi neghiamo al nostro Sindaco il diritto di dire la sua? Al contrario, io credo che Pisapia vada ascoltato con grande attenzione. E' la persona che ha riconquistato Milano dopo vent'anni di buio ed è una personalità che sul piano personale, morale e politico può dire la sua con autorità, anche su temi nazionali. Alle ultime primarie ho sostenuto con convinzione Bersani, perché ritenevo che il progetto di governare insieme a SEL fosse nella natura stessa del PD. Le cose sono andate come tutti sanno e bisogna accettarlo. In democrazia, la ruota gira ed è giusto che tutti abbiano la possibilità di dire la loro, senza pregiudizi. Per questo Renzi va ascoltato, come tutti coloro che vogliono portare un contributo di novità, anche se ci sono degli aspetti sui quali non ci si trova d'accordo. Peraltro, non ho mai percepito le stesse obiezioni di fronte all'operato di altri dirigenti del PD, non meno lontani dal concetto di sinistra tradizionale di quanto lo possa essere Sindaco di Firenze. Io spero che si possa costruire un PD più aperto alle diverse sollecitazioni e in questo mi pare proprio che l'esperienza di Pisapia possa essere un utile esempio".

Tags:
zacchetti







A2A
A2A
i blog di affari
Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
di Francesca Micoccio
Green pass obbligatorio e lockdown annunciati: il ritorno alla nuova normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.