A- A+
Milano
stefano zamponi (1)

di Fabio Massa

Stefano Zamponi è il leader dell'Idv regionale. Capolista alle prossime elezioni, consigliere uscente, in un'intervista ad Affaritaliani.it commenta il caso delle indagini in consiglio regionale: "Mi aspetto un avviso di garanzia da un momento all'altro. E' un atto dovuto. Siamo tranquilli, noi non siamo il Pdl o la Lega Nord. Il Pd? Non so, ma dopo il candidato governatore del 2010 non mi imbarazza più nulla". Infine, sulla sua candidatura: "Il mio argomento elettorale? Sono una spina nel fianco. L'Idv punta a far vincere Ambrosoli. E a prendere almeno il 3 per cento..."

Stefano Zamponi, ha già ricevuto l'avviso di garanzia?
Nessuno di noi l'ha ancora ricevuto. Mi aspetto di riceverlo però, perché oltre che dovuto è doveroso. Non può essere che si indaga solo sul centrodestra e non sul centrosinistra. Ma un conto è indagare, un conto è il risultato delle indagini.

Insomma, un indagato non è un condannato. Fa strano sentirglielo dire...
Io voglio dire che se ti fermano al posto di blocco chiedendo patente e libretto non è che automaticamente ti trasformi in un ricercato. Poi, se dopo i controlli, se ci sono irregolarità ci sono contestazioni.

E voi avete qualcosa da temere, come Italia dei Valori?
No, assolutamente no. Noi abbiamo fatto vedere alla stampa, che mi spaventa molto di più dei magistrati, tutti i nostri conti già da settembre dell'anno scorso. Io sono - per quello che riguarda Idv - assolutamente certo che non è stato nulla di illegale.

Per il principio che gli indagati non sono condannati non ritiene sia stato eccessivo il can can che c'è stato anche sul Pdl e la Lega?
Non è stato eccessivo. Il can can non è stato fatto perché hanno aperto indagini, ma sul loro contenuto.

Esiste una differenza tra voi e loro?
Certo, almeno tra Idv e chi pagava le cartucce da caccia con i soldi del consiglio regionale. Poi loro avevano una sorta di paghetta, un plafond di 1500 euro che consentiva loro di avere rimborsi qualunque cosa avessero speso. Noi invece abbiamo una gestione accentrata, per la quale un consigliere propone di fare un'iniziativa e l'iniziativa gli viene finanziata dal gruppo in maniera tracciabile. Nessuno ci può fare la cresta.

Se venissero fuori problemi nel Partito Democratico lei sarebbe in imbarazzo? Sono alleati...
La cosa che mi ha messo più in imbarazzo del Pd è stato il candidato governatore alle elezioni del 2010. Dopo quello nulla mi può più imbarazzare (ride)... Il punto vero però è che lo scandalo non è stato che abbiamo aperto un'indagine sui conti del centrodestra, ma i motivi per i quali i conti del centrodestra sono stati contestati. Pagare i banchetti di nozze della figlia del capogruppo della Lega è uno scandalo.

Parliamo della sua candidatura. Lei è il capolista...
Idv si presenta con il suo simbolo in tutte le province. Io sono il capolista a Milano.

Due argomenti della sua campagna elettorale.
Il primo: sono da otto anni una spina nel fianco. Tutte le iniziative per abolire i vitalizi, per ridurre la spesa pubblica, le auto blu... voi di Affaritaliani.it ne siete testimoni: abbiamo fatto tante battaglie. Molti dicono faremo, io invece le cose le ho fatte.

Il secondo argomento?
Io conosco molto bene la macchina regionale. Se tu vuoi farti aggiustare la macchina prendi un meccanico esperto, non un cardiochirurgo di fama. Questa è  una critica implicita a certe candidature che si vedono in giro...

Che cosa si aspetta dalle urne per l'Idv?
Primo: la vittoria di Ambrosoli e del centrosinistra. L'obiettivo di Idv, raggiunta la vittoria di Ambrosoli, è almeno il 3 per cento, riconfermando tre consiglieri.

@FabioAMassa

Tags:
idv zamponi






A2A
A2A
i blog di affari
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Cassazione, trasferimenti immobiliari e crisi coniugali: la sentenza
Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.