ROMA (ITALPRESS) - Mentre nell'estate 2020 in Italia veniva dato il bonus vacanze, gli Emirati Arabi Uniti prendevano delle ragionevoli precauzioni restrittive a fronte di quella che sarebbe stata la ripartenza economica prevista per il 2021, anche legata a Dubai EXPO.Il risultato �¨ sotto gli occhi di tutti, la seconda ondata di coronavirus ha annientato definitivamente l'economia italiana gi�  vacillante, invece gli Emirati (in particolare Dubai, capitale turistica indiscussa del golfo persico) hanno festeggiato l'anno nuovo con il sold out degli hotel e appartamenti vacanzieri, facendo oltretutto un grosso investimento mantenendo aperte le linee aeree dirette con la compagnia Fly Emirates da Milano, Roma e Bologna. Tuttavia la seconda ondata di Coronavirus anche a Dubai, specialmente nel mese di febbraio 2021, ha registrato un picco sostanziale di contagi, gestiti parzialmente con la campagna di vaccinazione gratuita per i residenti, che attualmente �¨ stata somministrata al 50% della popolazione.A segnalarlo �¨ la Falcon Advice con sedi in Italia e Dubai, che da anni aiuta le aziende italiane a costituire societ�  a Dubai attraverso le famose free zone, aree speciali dove non si pagano tasse. Ma come si fa ad aprire una societ�  a Dubai? E quali sono le tendenze del 2021 per chi decide di investire a Dubai? La Falcon �¨ diventata un punto di riferimento per quanto riguarda l'analisi dei trend da e verso Dubai, grazie alle recensioni positive da parte di clienti soddisfatti che in tutti questi anni hanno deciso di investire a Dubai. "Questo �¨ uno dei nostri doveri - espone il CEO di Falcon Advice, Daniele Pescara - fornire gli strumenti ai nostri clienti e applicare delle soluzioni "chiavi in mano" a fronte delle esigenze di mercato". "L'anno scorso, abbiamo riscontrato un +200% di richieste nei primi 4 mesi del 2020 rispetto ai primi 4 del 2019 - continua Pescara - attualmente, considerando i dati elaborati dall'Ufficio studi della CGIA di Mestre, le stime di chiusura del bilancio sull'andamento medio del fatturato 2020 delle aziende presenti nel territorio italiano sono pericolosamente eloquenti: - agenzie di viaggio e tour operator -73,2 per cento; - attivit�  artistiche, palestre, piscine, sale giochi, cinema e teatri -70 per cento; - alberghi e alloggi -53 per cento; - bar/ristoranti -34,7 per cento; - noleggio e leasing operativo -30,3 per cento; - commercio/riparazione di autoveicoli e motoveicoli -19,9 per cento.In termini assoluti, la perdita di fatturato pi�¹ importante ha interessato il commercio all'ingrosso (-44,3 miliardi di euro).Seguono il commercio/riparazione di auto e moto (-26,8 miliardi) i bar e i ristoranti (-21,3 miliardi di euro), le attivit�  artistiche, palestre, sale giochi, cinema e teatri (-18,3 miliardi), il commercio al dettaglio (-18,2 miliardi), gli alberghi (-13,9 miliardi), le agenzie di viaggio e i tour operator (-9,3 miliardi)". "I dati sono espliciti - conclude il CEO di Falcon Advice, Daniele Pescara - la nostra azienda grazie alla reputazione consolidata e alle recensioni positive da parte del mercato �¨ divenuta un vero e proprio osservatorio oltre confine, pertanto le nostre previsioni al temine del primo quadrimestre del 2021 sono di un ulteriore aumento di richieste di aperture societarie rispetto al 2020".(ITALPRESS).abr/com01-Mar-21 10:36

in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

i più visti
motori
Con Sensify, Brembo rivoluziona il modo di frenare

Con Sensify, Brembo rivoluziona il modo di frenare



Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.