MILANO MARITTIMA (ITALPRESS) - "Oggi se si dice qualcosa di diverso si e' negazionisti. Smettiamo di terrorizzare gli italiani col bollettino dei morti, di tenere sotto sequestro un Paese intero. A me e' venuto il dubbio che questa perenne emergenza convenga a qualcuno politicamente ed economicamente". Cosi' il leader della Lega, Matteo Salvini, durante la festa del partito a Milano Marittima. "Il virus c'e' stato ed e' scoppiato a casa mia - ha proseguito - Per onore della mia terra chiedo che la smettano di rompere le palle alla Lombardia perche' i medici hanno fatto miracoli per salvare vite". Per Salvini "dichiarare l'emergenza quando non c'e' emergenza significa anche non rispettare i 35.000 morti, per questo guardiamo avanti e lasciamo l'Italia libera di tornare a sognare. Vedo molti controlli in giro, ma poi sbarcano migliaia di balordi fregandosene dei regolamenti". Quanto all'indagine in Lombardia sui camici che ha coinvolto il governatore Fontana, per il leader della Lega "se vogliamo dirla tutta, c'e' un governatore indagato per una donazione di migliaia di camici e ce n'e' uno non indagato nel Lazio che ha speso 14 milioni senza neanche avere una mascherina, dandoli a un'azienda che si occupa di lampadine. Fontana e' benestante di famiglia, e' lombardo ed e' della Lega. Forse l'attacco alla Lombardia e' fondato sul rancore verso chi ha successo".(ITALPRESS).spf/ads/red01-Ago-20 23:22

in vetrina
Meteo caldo stop, cambia tutto. Un ciclone porta piogge e fresco

Meteo caldo stop, cambia tutto. Un ciclone porta piogge e fresco

i più visti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

motori
Seat e Bergamo hanno acceso i riflettori sulle violenze domestiche

Seat e Bergamo hanno acceso i riflettori sulle violenze domestiche



RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.