A- A+
Musica

"Conosco chi ha ucciso Jim Morrison". La cantante britannica Marianne Faithfull ha detto, durante un'intervista al magazine Mojo, che il leader dei Doors, gruppo americano fondato a Los Angeles a meta' degli anni Sessanta, fu in realta' ucciso, 43 anni fa, e l'artista saprebbe anche da chi. Secondo Faithfull, a porre fine accidentalmente alla vita del cantante fu il suo fidanzato di allora, Jean De Breteuil, conosciuto come uno spacciatore di eroina per le celebrita'.

L'uomo avrebbe dato a Morrison una dose troppo forte, che poi ne avrebbe causato il decesso. L'idolo di alcune generazioni fu trovato morto, all'eta' di 27 anni, in un appartamento di Parigi nel luglio del 1971. L'intervista a Faithfull, che viene anticipata anche nella versione online del magazine, ricorda come poi De Breteuil fu trovato cadavere in Marocco alcune settimane dopo il decesso di Morrison, sul quale non fu mai effettuata un'autopsia. "Sono sicura che sia stato un incidente. Comunque tutti quelli legati alla sua morte ora sono morti a loro volta. Tutti tranne me", ha aggiunto Faithfull.

Tags:
faithfullboyfriendmorrison
in evidenza
Lo scivolone di Burioni su Twitter: "Si scrive valige, non valigie"

Il tweet del virologo fa discutere

Lo scivolone di Burioni su Twitter: "Si scrive valige, non valigie"


in vetrina
Malocclusione dentale: cos’è, quali sono le sue conseguenze e come trattarla

Malocclusione dentale: cos’è, quali sono le sue conseguenze e come trattarla


motori
Dacia, iniziata pa produzione del primo Jogger Hybrid 140

Dacia, iniziata pa produzione del primo Jogger Hybrid 140

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.