Roma, 1 ago. (Adnkronos Salute) - "La pandemia di Covid-19 durerà a lungo. Servono dunque sforzi a lungo termine e una riposta sostenuta a livello locale e globale" contro il virus. Lo ha sottolineato il Comitato di emergenza su Covid-19, convocato dal direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus e che ha tenuto la sua quarta riunione ieri. Nella dichiarazione, rilasciata oggi, il Comitato ha espresso "apprezzamento per gli sforzi di risposta alla pandemia dell'Oms e dei suoi partner", e ha messo in evidenza "la lunga durata prevista di questa pandemia, rilevando l'importanza di una risposta sostenuta a livello di comunità nazionale, regionale e globale"."La pandemia è una crisi sanitaria che si verifica una volta al secolo, i cui effetti si faranno sentire per i decenni a venire". Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus, nel suo confronto con il Comitato di emergenza su Covid-19, convocato ieri. Dopo l'incontro il dg ha confermato che Covid-19 "costituisce ancora un'emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale"."Molti paesi che credevano di aver superato il peggio ora sono alle prese con nuovi focolai. Alcuni, che erano stati meno colpiti nelle prime settimane, stanno vedendo un numero crescente di casi e morti. E alcuni Paesi che hanno avuto grandi focolai li hanno controllati", ha ricordato il dottor Tedros.Dopo aver esaminato i dati, il Comitato ha concordato all'unanimità che l'epidemia "costituisce ancora un'emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale". Il dottor Tedros, dal canto suo, ha accettato il parere del comitato e ha confermato che Covid-19 resta un'emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale. Si tratta del più alto livello di allarme dell'Oms, dichiarato il 30 gennaio scorso, in un periodo in cui c'erano meno di 100 casi e nessun decesso al di fuori della Cina. Il Comitato ha poi formulato una serie di raccomandazioni sia per l'Oms che per gli Stati membri. Fra gli obiettivi, assicurare una risposta efficace e nel contempo accelerare la ricerca e l'eventuale accesso a diagnosi, terapie e vaccini. Il Comitato ha consigliato ai paesi di sostenere questi sforzi di ricerca, anche attraverso finanziamenti ad hoc, e di unirsi agli sforzi per un'equa allocazione di farmaci e vaccini.Ai paesi è stato consigliato anche di potenziare sorveglianza e tracciamento, e di attuare misure "proporzionate" sui viaggi, sulla base di valutazioni del rischio, rivedendo tali misure regolarmente. Il comitato di emergenza sarà nuovamente convocato entro tre mesi o anche prima, conclude l'Oms, a discrezione del direttore generale.

in evidenza
Da Arisa a Franco126 Le uscite musicali dell’estate

Costume

Da Arisa a Franco126
Le uscite musicali dell’estate

in vetrina
Previsioni meteo: da lunedì nuova fiammata africana, punte massime fino a 38°C

Previsioni meteo: da lunedì nuova fiammata africana, punte massime fino a 38°C

motori
Kia, a settembre svela la nuova gamma Stonic

Kia, a settembre svela la nuova gamma Stonic

i più visti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Intervista a Rosario Rasizza: il ruolo post-covid delle agenzie per il lavoro
Paolo Brambilla - Trendiest
Visual Marketing e Gadget Aziendali: come promuovere il brand di un'azienda
Redazione
Perchè è consigliato avere un'assicurazione viaggio in Italia
Anna Capuano


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.