Roma, 2 ott. (Adnkronos) - Si sono visti a Roma lunedì della scorsa settimana, mentre il capo politico Vito Crimi incontrava i consiglieri regionali prima e la squadra di governo M5S poi, per tracciare il futuro del Movimento. Jacopo Berti, Raffaella Andreola e Fabiana Dadone -i tre componenti del collegio dei probiviri- hanno fatto il punto sulle sanzioni da comminare: tanti i dossier sul tavolo, i 'morosi' delle restituzioni e i ribelli del referendum sul taglio dei parlamentari solo per citarne alcuni. Ma anche il caso dei tre autosospesi -Fabio Berardini, Carlo Ugo de Girolamo e Paolo Romano- in aperta polemica con Rousseau.Berti lunedì scorso è sceso a Roma da Padova, Andreoli è arrivata da Treviso con la convinzione di dare luogo alle prime sanzioni. Nel mirino, in particolare, la senatrice Marinella Pacifico, che oltre ad aver votato contro il taglio dei parlamentari è la senatrice più indietro con le restituzioni tra gli eletti romani. Berti e Andreoli sono i promotori della linea dura: sanzionare subito, anche ricorrendo alle espulsioni per i casi più gravi, ma soprattutto dando luogo a sospensioni, richiami e diffide per lanciare un segnale chiaro ai ribelli. La ministra Dadone più cauta, raccontano, conscia delle difficoltà dei gruppi parlamentari e dei numeri risicati a Palazzo Madama, ma di fatto in minoranza nel collegio chiamato a decidere chi punire o richiamare. Le prime sanzioni dovevano partire già mercoledì scorso, ma sono state di fatto 'congelate'. A quanto apprende l'Adnkronos, infatti, a frenare i probiviri ci avrebbe pensato Crimi, sottolineando loro il momento difficile che il Movimento sta vivendo, con i gruppi parlamentari divisi, letteralmente balcanizzati tra correnti e lotte interne. E con numeri traballanti al Senato.Già la lettera con cui Davide Casaleggio aveva richiamato i morosi, annunciando una sforbiciata ai servizi, aveva inasprito il clima, tanto da essere considerata dagli stessi big del Movimento letteralmente improvvida. Ora eventuali espulsioni e sanzioni, con il clamore mediatico che ne sarebbe conseguito, rischierebbero di fare esplodere il Movimento in una fase delicata come poche altre.Ma lo stop alle sanzioni avrebbe indispettito e parecchio, raccontano alcuni beninformati, il veneto Berti, il più severo dei probiviri e considerato molto vicino a Davide Casaleggio, ripartito da Roma furente. La partita resta aperta, i provvedimenti disciplinari in stand by. Intanto oggi è arrivato un nuovo 'avvertimento' da Milano: la sospensione di una serie di servizi, il rinvio del Villaggio Rousseau del 4 ottobre nonché la disdetta dell'affitto dell'ufficio di Milano.

in evidenza
“Live non è la D’Urso” chiude Colpo a Barbara e a Crippa

Confermati i rumors...

“Live non è la D’Urso” chiude
Colpo a Barbara e a Crippa

in vetrina
Grande Fratello Vip 5: due clamorose eliminazioni. Colpo di scena: usciranno..

Grande Fratello Vip 5: due clamorose eliminazioni. Colpo di scena: usciranno..

motori
Mercedes: una coppia di artisti messicani trasformano una Classe G

Mercedes: una coppia di artisti messicani trasformano una Classe G

i più visti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Sottosegretari! La carica dei 101
di Maurizio De Caro
Petizioni: le Partite Iva sempre più presenti in Parlamento
Monitoraggio robotico degli habitat naturali per un futuro più sostenibile
di Maurizio Garbati


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

I sondaggi di AI

Emergenza Covid, sposi la linea pro-riaperture di Salvini o quella più restrittiva di Zingaretti?

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.