A- A+
Piemonte

Come le ciliegie, una tira l'altra. Sembra non arrestarsi il fenomeno del ritrovamento casuale di residuati bellici della II guerra mondiale. E' stata infatti rinvenuta il 5 marzo un'altra bomba a mano, modello Breda 35, in frazione Corbolei a Meana in Val di Susa.

L'ordigno è stato notato da un abitante del luogo lungo un sentiero boschivo lontano dal centro abitato. L'uomo ha subito dato l'allarme e sul posto sono intervenuti gli artificieri del comando provinciale dei carabinieri di Torino che hanno fatto brillare l'ordigno in sicurezza.

In pochi giorni è la terza granata a mano Breda rinvenuta in Val di Susa: solo sabato scorso tre ragazzi erano rimasti feriti nell'esplosione della bomba che avevano trovato nelle campagne di Novalesa, mentre il 4 marzo un altro ordigno identico era stato ritrovato e fatto brillare in frazione Sant'Anna, sempre a Novalesa.

 

Francesco Signor

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bombaval di susa
in evidenza
A Parigi la pizza la fanno i robot Gli italiani insorgono sui social

MediaTech

A Parigi la pizza la fanno i robot
Gli italiani insorgono sui social

i più visti
in vetrina
Juve Roma, Mourinho: "Rigore? Mi isolo. Il recupero? Dimostra un'intenzione"

Juve Roma, Mourinho: "Rigore? Mi isolo. Il recupero? Dimostra un'intenzione"


casa, immobiliare
motori
nuovo Honda HR-V, rigorosamente ibrido

nuovo Honda HR-V, rigorosamente ibrido


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.