A- A+
Politica


 

maroni congresso

L'ufficializzazione arriverà solo dopo il summit tra Maroni e Berlusconi, ma l'accordo tra il Pdl e la Lega è stato raggiunto nel vertice di giovedì, quando attorno al tavolo si sono seduti il segretario del Carroccio, Calderoli, Giorgetti, Gibelli, Romani e Casero (questi ultimi due stanno proprio seguende per conto del Cavaliere l'intesa al Nord). Berlusconi sarà il capo della coalizione ma in caso di vittoria alle elezioni del 24-25 febbraio non sarà presidente del Consiglio. Questo è il punto chiave dell'alleanza. Non verrà fatto alcun nome per il ruolo di premier, dato che la legge elettorale non obbliga l'indicazione. E perciò la Lega andrà avanti con la sponsorizzazione di Tosi e poi si vedrà dopo il voto. Lo stesso sindaco di Verona aveva ipotizzato che Passera potesse essere il candidato a Palazzo Chigi del Centrodestra - idea rilanciata anche da Galan - ma una fonte vicinissima al Cavaliere e che sta seguende passo dopo passo gli sviluppi delle trattative ha spiegato ad Affaritaliani.it che "si tratta di posizioni puramente personali. L'ipotesi Passera premier non esiste e non è mai esistita".

Nessuna indicazione del premier, dunque, e solo in caso di successo si vedrà chi ricoprirà il ruolo di capo del governo. Ma certamente non Berlusconi. L'intesa tra Pdl e Lega è soprattutto sul programma. Il Cavaliere ha accettato la proposta del Carroccio di tenere sul territorio il 75% delle tasse prodotte da ogni regione, anche se si arriverà soltanto gradualmente e quindi non immediatamente a questo regime di federalismo fiscale. Non solo. Al Nord si applicherà completamente mentre nel resto d'Italia la situazione resterà più o meno quella attuale, con una sorta di federalismo a geometria variabile sul modello spagnolo. Garantita comunque la perequazione nazionale. Punto sul quale anche la Lega non ha avuto nulla da dire. Il rinato accordo nel Centrodestra spiana ovviamente la strada a Maroni candidato unico della coalizione in Lombardia, contro Ambrosoli e Albertini.

Su Twitter: @AlbertoMaggi74
 

Tags:
berlusconi

i più visti

casa, immobiliare
motori
Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo

Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.