A- A+
Politica
MILESTONE ED 1422828 pr

Silvio Berlusconi non molla la presa su Monti e la Merkel. Pier Luigi Bersani dice basta a "battute da due soldi" che mettono in difficolta' il Paese davanti all'Europa. I toni della campagna elettorale si vanno facendo sempre piu' aspri, e a sinistra la competition tra Vendola e Ingroia trova nuovi spunti in una sorta di confronto a distanza a colpi di interviste, con Vendola che non chiude a Rivoluzione Civile ma confessa di "non aver capito cosa sia" e Ingroia che rinfaccia al leader Sel di usare il centrosinistra "come un taxi".

Berlusconi chiede a Monti di "impegnarsi fortemente" in vista del vertice europeo sul bilancio Ue, tema sul quale "il presidente del Consiglio dovra' fortemente impegnarsi e io credo che su questo tema dovremmo imporci". "Bisogna spuntarla con il braccio di ferro con la Germania" sui poteri della Bce "altrimenti la realta' imporra' ai vari Paesi di uscire via via dall'Euro, con il rischio della fine dell'Eurozona", torna a dire anche oggi il Cavaliere che, evidentemente, non ha gradito il modo in cui Monti ne descrive l'immagine internazionale: "E' una falsita' che io sia isolato in Europa. Anzi, ero la persona piu' informata e preparata, mentre ora ci sono solo burocrati che leggono quanto preparato dai loro uffici", puntualizza.

"Bisogna stare attenti a questa battute da due soldi, perche' se avessimo fatto i conti che dovevamo fare dopo l'Euro, certamente la Germania avrebbe ben meno da rimproverarci e potremmo parlare con voce piu' chiara anche alla Germania", controbatte il segretario Pd. Pier Luigi Bersani incalza dicendo che "e' una vergogna che un Paese in difficolta' sia trattato a colpi di favole".

Capitolo Sel-Ingroia. L'ex pm presenta un gruppo di ex Sel che si uniscono a Rivoluzione Civile e attacca Nichi Vendola rimproverandogli di usare il centrosinistra "come un taxi" dal quale scendere dopo il voto. Antonio Ingroia, insieme a Leoluca Orlando, alla Camera affida ai 'defezionisti' dal partito di Vendola la spiegazione che "le primarie per la scelta dei candidati sono state finte" come dice Francesco Cantafia che accusa il leader Sel di aver "anteposto interessi privati a quelli collettivi".

"Non temo minimante la concorrenza con Ingroia. Penso che ci sia una parte di sinistra che considera legittimo e virutoso attaccare il Capo dello Stato. Per me, invece, la vera sfida e' il cambiamento e il buon governo", gli fa eco Vendola. A proposito di un eventuale accordo con Rivoluzione Civile, il leader Sel rileva di "non aver capito cosa sia quel movimento: Rivoluzione Civile e' una lista che ingloba Idv, Rifondazione, Verdi. Non so quale sia il collante e il minimo denominatore comune che li lega assieme e siccome non sappiamo che cosa e' - avverte - aspetterei".

La giornata e' segnata dall'ennesima querelle tra berlusconi e il Tribunale di Milano che rigetta il legittimo impedimento, per motivi elettorali, sul processo Mediaset. Gli avvocati di Berlusconi lasciano l'aula e il Cavaliere promette che "la situazione della giustizia italiana e' una patologia della nostra democrazia di cui, quando saremo al governo, dovremo prioritariamente occuparci".

Nel dibattito Berlusconi-Bersani si inserisce anche Mario Monti: "I vecchi partiti non sono in grado di offrire una visione nuova negli interessi dei cittadini come noi della società civile". E, riferendosi rispettivamente a Pdl e Pd, aggiunge: "Uno fondato nel 1994, non vecchio ma neanche nuovo" e "l'altro fondato nel 1921", accomunando di fatto il Pd al Partito comunista d'Italia, nato per l'appunto a Livorno il 21 gennaio 1921. A caldo risponde su Twitter Dario Franceschini: "Ora Monti la smetta. Dire che il Pd è nato nel 1921 offende prima di tutto la sua intelligenza. Anche alla propaganda c'è un limite".

Tags:
euroberlusconimerkel

i più visti

casa, immobiliare
motori
Al via gli ordini della nuova Jeep Grand Cherokee 4Xe hybrid

Al via gli ordini della nuova Jeep Grand Cherokee 4Xe hybrid


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.