A- A+
Politica
vendola bersani.jpg 415368877

Esagerato parlare di scontro, tanto quanto era stato probabilmente eccessivo parlare di accordo. Ma certo i toni di Pier Luigi Bersani nei confronti di Mario Monti sono stati oggi piuttosto duri. Al premier che di fatto gli ha chiesto di scaricare Nichi Vendola, se e' davvero "interessato a una collaborazione", il leader del Pd ha chiarito che il perimetro del centrosinistra non cambia. "Il mio polo e' il mio polo e che nessuno lo tocchi", ha scandito, "a partire da li' sono pronto a discutere", ha ribadito. E con Monti "non c'e' nessun patto".

Ma oggi e' soprattutto sui contenuti che Bersani ha lanciato oggi la sfida agli avversari, con un affondo a Silvio Berlusconi e una proposta per dare ossigeno alle imprese che hanno crediti verso la pubblica amministrazione. "Se tocchera' a noi, nel 2013 il governo paghera' gli arretrati alle aziende che hanno lavorato per la pubblica amministrazione per un importo pari a 10 miliardi di euro l'anno per 5 anni", ha spiegato. E "la liquidita' sara' trovata emettendo Titoli del Tesoro sul modello del Btp Italia vincolati esclusivamente al pagamento dei debiti".

Il progetto non dovrebbe incontrare ostacoli in Europa, anche perche' gia' altri Paesi hanno meccanismi di pagamento che prevedono titoli di debito pubblico. E poi l'Italia e' nel mirino di Bruxelles proprio per i ritardi sui pagamenti che dovrebbero essere fatti, in base a una direttiva Ue, entro 30-60 giorni al massimo e non dovranno piu' far ricorso ai prestiti bancari. Certo l'emissione di titoli andra' a pesare sul debito pubblico ma del resto "i debiti sono gia' noti agli investitori internazionali" e anche se oggi sono fuori dai conteggi l'Europa sa bene che esistono.

Alla "demagogia" di Berlusconi, Bersani ha dunque ribadito di voler rispondere solo con il programma e ha sfidato il suo avversario a restituire non l'Imu ma i soldi usciti dalle casse dello Stato con alcune misure prese insieme alla Lega. "Propongo a Berlusconi tre grandi restituzioni: il condono tombale dell'anno 2002-2003 fatto in modo che nessuno ha pagato la seconda e la terza rata, cosa da oscar mondiale, poi le quote latte e infine i soldi spesi per l'Alitalia". Quanto a Monti, Bersani ha respinto al mittente la richiesta "di fare delle scelte nel suo polo". Il centrosinistra vuole vincere con le proprie forze, hanno ribadito al Nazareno, e con le proprie proposte. Poi vale sempre l'impegno a una collaborazione futura con le forze moderate, costituzionali e antipopuliste, "come sta scritto sulla Carta d'intenti".

Dunque la coalizione non cambia: "Io sono con Vendola, io ho l'alleanza con Vendola e Tabacci", ha insistito Bersani, e "non intendo rompere nessun patto". E con il leader di Sel il segretario del Pd chiudera' la campagna elettorale in Lombardia domenica 17 febbraio in piazza Duomo a Milano, insieme con il candidato alla Regione Umberto Ambrosoli, con il sindaco Giuliano Pisapia e con Bruno Tabacci. L'ultima settimana di campagna Bersani battera' di nuovo le altre regioni in bilico. Sara' in Sicilia con puntate a Messina e Catania. Giovedi' 21 sara' in piazza del Plebisicito a Napoli. E infine venerdi' 23 ci sara' la 'Conferenza stampa' finale su Rai2. Prima e' previsto un evento a Roma, con Nicola Zingaretti, in un luogo ancora da decidere. Di certo non sara' piazza San Giovanni gia' prenotata da Beppe Grillo. "Ma non ci avevamo mai pensato", hanno assicurato al Pd.

Tags:
bersanivendola

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti

Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.