A- A+
Politica
Il figlio di Craxi: Amato al Colle. Mio padre più a sinistra di Renzi


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


A quindici anni dalla morte, è rimasto qualcosa nell'attuale panorama politico degli insegnamenti di Bettino Craxi?
"Non è rimasto nulla. Quello che è avvenuto dopo è ormai conclamato che è stato peggiore. E' del tutto imparagonabile la qualità della classe dirigente della Prima Repubblica con quella della Seconda".

Silvio Berlusconi non ha continuato la politica di suo padre?
"Non vedo in che modo. Ha catturato la simpatia e il consenso di ambienti socialisti in un perido di sbandamento. Ma anche quella stagione sta alle spalle, nonostante Berlusconi provi ad accendere la simpatia ricordando mio padre".

Qualcuno ha paragonato il decisionismo di Matteo Renzi a quello di Bettino Craxi...
"Un paragone del tutto sbagliato. La mediazione con le parti sociali, a mia memoria, non ha mai portato ad alcuna frattura radicale come quella tra Renzi e i sindacati. Comunque sono sempre improponibili i paragoni, si tratta di ere diverse e di culture politiche diverse. Renzi non è un socialista democratico".

Nessuna analogia dunque?
"L'unica vera analogia tra la stagione in cui ha governato mio padre e la Seconda Repubblica sta nella necessità che le decisioni politica abbiano forza e rapidità. In questo senso c'è un paragone con tutta la Seconda Repubblica. Ma si tratta di un tema che è stato posto prima degli anni '80, su questo c'è continuità e corrispondenza. La società impone che la politica sappia fare e non solo parlare".

Era più di sinistra Bettino Craxi di allora o Renzi di oggi?
"Non ci sono dubbi, mio padre 20 anni fa. Oggi la guida del Pd è centrista".

Se fosse vivo oggi in quale partito si collocherebbe Bettino Craxi?
"Nel partito dove siamo nati. E' colpa dei nostri ritardi se oggi non c'è una grande forza socialista. Non si pone neanche il problema, mio padre starebbe in una forza di ispirazione socialista e democratica e liberale sui principi e sui valori. Una forza collocata nell'area di Centrosinistra".

E' possibile che Giuliano Amato, ex vice-segretario del Psi di Bettino Craxi, diventi il prossimo presidente della Repubblica?
"Difficile, ma lo sarà per tutti. Possibile? Lo spero, certamente è auspicabile. A essere onesti e oggettivi gli uomini di Stato che sono rimasti in vita si contano sulle dita di una mano. Anzi, sono meno di cinque. E Amato è certamente tra questi".

Che cosa si sente di dire ad Antonio Di Pietro?
"Auguri per la sua vecchiaia. Le cose gli sono andate maluccio, direi. Altri magistrati hanno fatto più carriera di lui".
 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bettino craxi
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Toyota presenta la nuova Corolla Cross

Toyota presenta la nuova Corolla Cross


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.