A- A+
Politica
laura boldrini strilloLaura BoldriniGuarda la gallery

Musica elettronica, ritmo sincopato e la voce di Laura Boldrini che elenca i nomi dei candidati alla presidenza della Repubblica. E' il brano techno che sta spopolando in Rete e che con il passaparola sui social network ha accumulato centinaia di migliaia di visualizzazioni.  L'autore, Pixho, spiega di aver avuto l'idea mentre stava lavorando e di sottofondo ascoltava lo scrutinio. "Techno, erotico, subliminale. Che altro dire...", scrive una internauta che dimostra di apprezzare il brano e soprattutto la voce della Presidente della Camera.

'Sexy' è l'aggettivo più ricorrente tra i commenti degli ascoltatori che ironizzano sul messaggio subliminale del 'testo'. Se infatti la Boldrini scandisce in maniera asettica il nome di Romano Prodi (quasi a volere prendere le distanza) e con noncuranza quello di Walter Veltroni, si rianima quando legge quello di Rodotà, il candidato del Movimento 5 Stelle.  E lo fa specie quando sulla scheda c'è scritto 'S. Rodotà', escamotage usato dai suoi compagni di partito (Sel), per 'segnare' le schede ed evitare di essere additati come franchi tiratori. Giò Ebasta scrive: "eSsse rRrodotà so sexy", segno che il nome del costituzionalista scalda gli animi (a differenza di quello di Romano Prodi o Annamaria Cancellieri). E se a metà del testo sono i nomi dei candidati a farla da padrone, verso la fine, appena prima della nomina di Napolitano, è un fiorire di 'scheda bianca', ripetuto migliaia di volte in pochi secondi, a simboleggiare lo smarrimento della politica prima dell'accordo su King George.

video boldrini

GUARDA IL VIDEO

 

La presidente della Camera non sembra aver disdegnato il remix della sua voce. E l'autore, a scanso di equivoci, ci tiene a sottolineare che "non è una presa in giro della Boldrini e penso che le persone che le inviano i messaggi terribili siano dei miserabili". Già, perché se il remix è uno sfogo musicale ad una incapacità politica di prendere decisioni, gli insulti, le minacce e i fotomontaggi porno che sono girati in rete subito dopo la sua elezioni sono il simbolo di una rabbia primitiva della Rete verso le istituzioni. Insulti così pesanti che hanno portato la Boldrini a denunciare tutto alla Polizia Postale e a chiedere l'oscuramento di alcuni siti.

"Non è una cosa fatta con cura, è molto instant", spiega l'autore. Nome in codice Pixho. "L'idea è nata venerdì pomeriggio: lavoravo e ascoltavo lo scrutinio da Montecitorio in sottofondo. Ho registrato la traccia stereo, poi è bastato qualche taglio con Audacity. Per la musica, ho creato rapidamente delle percussioni e dei synth con Logic. Tutto molto veloce: esclusa la registrazione, ho impiegato un'ora o poco più. Senza niente di pronto: con un po' d'esperienza e un qualsiasi software musicale, non è difficile produrre cose di questo tipo".  

Una delle particolarità del brano, sottolineate dall'autore, è che la Boldrini elenca i nomi di Napolitano, Rodotà e Prodi, ma non quelli 'fasulli', come Francesco Guccini, Rocco Siffredi e Valeria Marini, perché, spiega Pixho: "Non avevo alcun interesse a ricamare su risolini e applausi scaturiti da nomi inattesi. Il Paese è alla morte culturale e sociale: questo è il messaggio che volevo trasmettere. Voce piatta e ipnotica da una parte, proto dance minimale dall'altra e un tristissimo picchiettio del synth sull'applauso finale, a simboleggiare la contraddizione depressione/giubilo".

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
boldrinirapmusica
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030

Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.