A- A+
Politica
E' morto Giuseppe Bortolussi. Mister Cgia aveva 66 anni

E' morto all'ospedale di Padova Giuseppe Bortolussi, segretario della Cgia di Mestre. Il numero uno della nota associazione artigiani aveva 66 anni ed era ricoverato da alcune settimane. Malato da ottobre, anche in questi mesi ha sempre seguito da vicino la sua Cgia, nota per essere un importante osservatorio sul mondo economico nazionale, del quale misura i principali parametri dal punto di vista fiscale e industriale, di ricchezza e di finanza.
 
Bortolussi aveva dovuto sottoporsi a un intervento che lo aveva debilitato fisicamente, ma anche in questi ultimi mesi non ha mai perso l'entusiasmo e la voglia di fare per la sua associazione. Le persone che lavorano nella Cgia raccontano che il loro capo non li ha mai abbandonati nonostante la malattia, anzi li spronava e li motivava con chiamate e chiacchierate quasi ogni giorno, con la sua solita grinta.

Bortolussi era stato assessore al Commercio, turismo e sport al Comune di Venezia nel 1996, nella seconda giunta Cacciari, mentre dal 2005 al 2010 aveva ricoperto la carica di assessore esterno alle Attività produttive sempre a Venezia, con la terza giunta Cacciari. E' stato anche consigliere regionale.

Tags:
bortolussi
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”

Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.