A- A+
Politica


Monti è una brava persona. Come al solito i suoi collaboratori esagerano. Ora Pierferdinando Casini, dall'alto del suo 5,5 percento, ammonisce Bersani: sarà presidente del Consiglio solo se avrà la maggioranza dei seggi, sia alla Camera che al Senato. Poco importa che sia proprio il tanto vituperato Porcellum ad aver partorito l'imbroglio del Senato (numeri bizantini per averne il controllo). Importa quasi niente che a dare l'incarico, poi, eventualmente, sarà il capo dello Stato. Toccherà all'attendente di Mario Monti, Pierferdinando, accendere, se mai, forse, la luce verde al povero Bersani che, tra il lusco e il brusco, potrebbe portare a casa, annessi compresi, il 40 percento dei consensi. Ma si sa, i voti di Bersani, il vecchio (un po' di sinistra), usato sicuro, valgono la metà. Mentre i voti della "nuova" Udc, scudocrociata al servizio di Monti, valgono il doppio. Facciamo il triplo, per sicurezza.

di Da.Bo.
 

Tags:
casini

i più visti

casa, immobiliare
motori
MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.