Caso Marrazzo/ Presidente regione si autospende

Nelle condizioni di vittima in cui mi sono trovato - ha detto Marrazzo - ho sempre avuto come obiettivo principale quello di tutelare la mia famiglia

Sabato, 24 ottobre 2009 - 16:30:00
Marrazzo
Piero Marrazzo
Il presidente della Regione Lazio, Piero Marrazzo, ha deciso di autosospendersi dall'incarico e di conferire la delega al vice presidente dopo la vicenda che lo ha visto coinvolto.
A renderlo noto e' stato lo stesso Marrazzo, che in un comunicato ammette di aver commesso ''errori'' che ho tuttavia ''non hanno in alcun modo interferito nella mia attivita' politica e di governo''.

"Ho detto la verita' ai magistrati prima che l'intera vicenda fosse di pubblico dominio. L'inchiesta sta procedendo speditamente anche grazie a quelle dichiarazioni, che sono state improntate dall'inizio alla massima trasparenza". Lo scrive Piero Marrazzo nella nota con la quale ha annunciato questo pomeriggio la decisione di autosospendersi dall'incarico di Presidente della Regione Lazio. "Si tratta di una vicenda personale in cui sono entrate in gioco mie debolezze inerenti alla mia sfera privata, e in cui ho sempre agito da solo. Nelle condizioni di vittima in cui mi sono trovato - continua - ho sempre avuto come obiettivo principale quello di tutelare la mia famiglia e i miei affetti piu' cari; gli errori che ho compiuto non hanno in alcun modo interferito nella mia attivita' politica e di governo"

Rimangono detenuti a Regina Coeli Nicola Testini, Carlo Tagliente, Luciano Simeone e Antonio Tamburrino, i carabinieri accusati dalla Procura di Roma di avere ricattato il governatore del Lazio Piero Marrazzo. Lo ha deciso, dopo oltre otto ore di interrogatorio, il Gip Sante Spinaci che ha convalidato i fermi ed emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere.

"Per noi si apre una fase complicata perche' avevamo gia' scelto Marrazzo come candidato". Lo ha detto il vicepresidente della Giunta regionale del Lazio Esterino Montino, dopo aver incontrato Piero Marrazzo: "E' giusto che ora la coalizione scelga il proprio candidato sulla base delle primarie".  "Stiamo parlando di una vittima. Ci sono stati degli arresti e lui purtroppo e' stato sottoposto ad un sistema di ricatto. Forse la sua responsabilita' e' di aver avuto paura". Così il vicepresidente della Regione Lazio ha cercato di spiegare il comportamento di Marrazzo: "Di fronte ad una situazione cosi' era facile e umano per tutti cercare di coprire una cosa tanto difficile e complicata. L'errore e' stato questo, lui lo ha riconosciuto e lo ha fatto pubblicamente. Non ci sono scorciatoie per un uomo politico e per una persona pubblica".

Potrebbe essere Enrico Gasbarra esponente del Pd ed ex presidente della Provincia di Roma a correre per la poltrona del governatore della Regione Lazio per il 2010. Secondo quanto apprende l'Asca, potrebe toccare proprio a Gasbarra cimentarsi contro il candidato del Pdl per la carica piu' alta della regione dopo aver per cinque anni condotto la Provincia di Roma con risultati apprezzabili.

CASO MARRAZZO: CANDIDATI A SEGRETERIA PD, DIMISSIONI RESPONSABILI
''La scelta di Marrazzo di dimettersi, attraverso un breve percorso che garantisca il funzionamento della Regione Lazio, e' un atto di responsabilita'''. E' quanto si legge in una nota dell'Ufficio Stampa del Pd, concordata tra i tre candidati alla segreteria del partito.

MARRAZZO: CICCHITTO, OCCUPARSI FATTI PRIVATI E' DEVASTANTE
"Esprimo il mio sincero rammarico per l'autosospensione di Piero Marrazzo da Presidente della Regione Lazio. Sono anche convinto che quello che egli ha fatto come Presidente della Regione non e' stato minimamente influenzato da questi aspetti della sua vita privata. Credo che adesso possiamo tutti valutare fino in fondo quale devastazione e' stata fatta alla politica italiana da quei giornalisti e da quegli esponenti politici che, da mesi, passano il loro tempo ad occuparsi della vita privata di Berlusconi, come se da cio' non potesse inevitabilmente derivare una generalizzazione che avrebbe coinvolto tutto e tutti e che, quasi sicuramente, non si fermera' qui ma e' destinata a continuare per la perversa spirale posta in essere da degli autentici irresponsabili". Lo afferma Fabrizio Cicchitto, Presidente dei deputati Pdl.

MARRAZZO: GASPARRI, DIMISSIONI E IMMEDIATE ELEZIONI
"Stiamo facendo una verifica per accertare se c'e' una violazione della legge in atto alla regione Lazio. L'auto-sospensione, infatti, e' collegata ad impedimenti di salute reali. Non puo' essere una procedura usata pretestuosamente per ritardare le dimissioni. Ci riserviamo di fare tutti gli accertamenti giuridici, ma invitiamo sin da questo momento la sinistra a non aggiungere lesioni gravi alla situazione tra il grottesco ed il drammatico che si e' gia' verificata. L'uso della sospensione temporanea potrebbe rappresentare un grave abuso di legge. Non giochiamo con la democrazia. Riteniamo che l'epilogo su questa vicenda debba essere quello delle dimissioni e dell'immediato ricorso alle urne. In ogni caso, stiamo valutando passi formali a tutela della legalita' repubblicana e della democrazia che rischiano violazioni inaccettabili". Lo dichiara il presidente del gruppo Pdl al Senato, Maurizio Gasparri.

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA