A- A+
Politica
Spese pazze, Cota ridà i soldi. Mutande verdi, ristoranti e...


Trentaduemila euro. È la somma restituita dal Governatore decaduto della Regione Piemonte Roberto Cota nell’ambito dell’inchiesta rimborsopoli. Del denaro che copre le sue spese pazze: dalle mutande verdi alle cene di lusso al ristorante, più il 30% in più per il danno arrecato alla Regione.

Ma i suoi non sono gli unici soldi a essere versati alla Tesoreria della Regione. Altri trecentomila euro sono stati restituiti da una quindicina di consiglieri regionali per spese che variano da campanacci per le mucche, tosaerba, frigoriferi e abbigliamento. La cifra contestata dalla Procura è di un milione e mezzo, dunque ancora tanti euro mancano all’appello.

"Cota, pur ribadendo la correttezza del proprio comportamento e la propria assoluta innocenza rispetto alle accuse mosse dalla procura di Torino – ha detto il suo avvocato Domenico Aiello – ha deciso di agire in questo modo in un’ottica di trasparenza". L’esponente del Carroccio non era presente all’udienza preliminare davanti al gup Roberto Ruscello perché ha scelto il rito immediato. Il suo processo di aprirà il 21 ottobre.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cota
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Nuovo Ranger, creato da Ford ma ideato dai suoi stessi clienti

Nuovo Ranger, creato da Ford ma ideato dai suoi stessi clienti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.