A- A+
Politica
napolitano (1)

Colloquio "intenso e cordiale" tra Benedetto XVI e il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. "Il Papa - sottolinea una nota vaticana - ha manifestato la sua attenzione e partecipazione per gli importanti appuntamenti che attendono prossimamente il popolo italiano". E, si legge inoltre, "non sono mancati riferimenti ai principali temi della situazione internazionale, in particolare alle preoccupazioni per la pace nelle regioni piu' travagliate nel mondo, come il Medio Oriente e l'Africa".

Prima del Concerto celebrativo dei Patti Lateranensi, fa sapere il direttore della Sala Stampa della Santa Sede, padre Federico Lombardi, "il Santo Padre e il presidente Napolitano si sono incontrati per un colloquio in una delle Aulette attigue all'Aula Paolo VI per la durata di circa 20 minuti". "L'incontro - assicura la nota - e' stato particolarmente intenso, nel contesto dell'avvicinarsi al compimento del settennio presidenziale, caratterizzato, come e' noto, dalla grande stima reciproca e dai sempre cordialissimi incontri fra i due illustri interlocutori".

Una "serena e fiduciosa cooperazione al servizio del bene comune, nel pieno rispetto della distinzione tra sfera politica e sfera religiosa" continua a caratterizzare i rapporti tra Stato e Chiesa in Italia. Lo ha sottolineato il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano prima dell'esecuzione del tradizionale concerto organizzato per ricordare la firma dei Patti Lateranensi.

"Santita',gli appuntamenti, propiziati da un comune amore per la musica, che si sono succeduti da un anno all'altro nell'atmosfera raccolta e insieme corale dell'Aula Paolo VI, si concludono per me con questo concerto, che coincide con la fase finale del mio mandato di Presidente della Repubblica Italiana. Ella non si stupira' quindi se nelle mie parole affioreranno accenti di particolare emozione", ha detto Napolitano rivolgendosi al Papa, "Perche' questa non e' solo l'occasione per rivolgerle, come negli scorsi anni, il piu' sentito omaggio ed augurio per la ricorrenza della Sua elezione al Soglio Pontificio, e insieme per dare avvio alla celebrazione dell'84mo anniversario dei Patti Lateranensi, ma e' anche una forma di simbolico pubblico commiato". "Il richiamo ai Patti Lateranensi ci consente di misurare la lunga strada percorsa - anche negli ultimi anni e per convergente impegno - verso una serena e fiduciosa cooperazione tra Stato e Chiesa al servizio del bene comune, "nel pieno rispetto" - sono Sue parole - 'della distinzione tra la sfera politica e la sfera religiosa'".

"Ma anche altro, e ben di piu', mi dice la memoria dei nostri incontri e colloqui, in molteplici occasioni, nel corso di questi sette difficili anni, difficili non solo per il mio paese in un mondo sempre piu' interdipendente. Molto mi dice la memoria del nostro reciproco ascoltarci. Molto mi ha arricchito il dialogo che abbiamo potuto intrattenere: sull'Italia, sull'Europa, sulla pace e sulla stessa politica intesa come dimensione essenziale dell'agire umano, sulle radici ideali e morali dell'impegno politico", ha proseguito il capo dello Stato, "Continueremo, Santita', come italiani, in qualunque posizione, a prestare attenzione ai suoi messaggi, a trarne motivo di riflessione e di fiducia. E ora, grazie a quanti hanno reso possibile questo concerto. Possiamo raccoglierci nell'ascolto di un'eccellente orchestra italiana e di un illustre Maestro, adottato da Firenze, cioe' dall'Italia".

Tags:
napolitano

i più visti

casa, immobiliare
motori
Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio

Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.