Csm/ Napolitano chiede gli atti a Salerno: "Vicenda grave". Mancino: pronto a lasciare se screditato

Giovedì, 4 dicembre 2008 - 14:25:00

Insider/ De Magistris, Colle preoccupato. Ma c'è qualcosa che può arrivare molto più in alto?

Facebook/ Il fan club di De Magistris

De Magistris/ Il Csm: dal plenum solidarietà a Mancino

Giustizia/ Gerardo D'Ambrosio (Pd) ad Affaritaliani.it: a Clementina Forleo manca proprio il buon senso

"D'Ambrosio a pranzo con i pm delle scalate...". Il libro-intervista di Clementina Forleo

De Magistris, il pg di Catanzaro: "Il nostro ufficio è stato vilipeso"

Francia/ Riforma della Giustizia: ragazzini in carcere già a 12 anni. Rachida Dati: "Misura di buon senso"

Il Segretario Generale della Presidenza della Repubblica Donato Marra, su incarico del Presidente Giorgio Napolitano, ha inviato al Procuratore Generale presso la Corte di appello di Salerno, dott. Lucio Di Pietro, la seguente lettera: "La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Salerno ha effettuato ieri (marcoledì, ndr) perquisizioni e sequestri nei confronti di magistrati e uffici della Procura Generale presso la Corte di appello di Catanzaro e della Procura della Repubblica presso il Tribunale di quella città. Tali atti di indagine, anche per le forme e modalità di esecuzione, hanno avuto vasta eco sugli organi di informazione, suscitando inquietanti interrogativi. Inoltre, in una lettera diretta al Capo dello Stato, il Procuratore generale di Catanzaro ha sollevato vive preoccupazioni per l'intervenuto sequestro degli atti del procedimento cosiddetto 'Why Not' pendente dinanzi a quell'ufficio, che ne ha provocato la interruzione. Tenendo conto di tutto ciò, il Presidente Napolitano mi ha dato incarico di richiederLe la urgente trasmissione di ogni notizia e - ove possibile - di ogni atto utile a meglio conoscere una vicenda senza precedenti, che - prescindendo da qualsiasi profilo di merito - presenta aspetti di eccezionalità, con rilevanti, gravi implicazioni di carattere istituzionale, primo tra tutti quello di determinare la paralisi della funzione processuale cui consegue - come ha più volte ricordato la Corte costituzionale (tra le altre, con le sentenze e le ordinanze n. 10 del 1997, 393 del 1996, 46 del 1995) - la 'compromissione del bene costituzionale dell'efficienza del processo, che è aspetto del principio di indefettibilità della giurisdizione'".

Comportamento, quello del presidente Napolitano, che ha fatto sollevare al leader dell'Italia dei Valori Antonio Di Pietro alcune critiche "sul modo e sul tono usato": "Con il dovuto rispetto istituzionale, ma si rischia la criminalizzazione preventiva e preconcetta dell'attività di indagine che sta svolgendo la procura di Salerno", ha detto l'ex pm.

"Io credo che il Csm si appresti ad intervenire. Sono cose che non dovrebbero succedere", afferma il premier Berlusconi.

INDAGATI SETTE MAGISTRATI. Intanto la Procura generale di Catanzaro ha messo sotto indagine sette magistrati della Procura di Salerno. Tra loro c'è anche il procuratore capo Apicella. Abuso d'ufficio ed interruzione di pubblico servizio: sono questi i reati ipotizzati dalla Procura di Catanzaro a carico dei colleghi di Salerno. A dare la notizia è stato il procuratore generale del capoluogo calabrese Vincenzo Iannelli, fermato dai cronisti al suo ingresso nel palazzo di giustizia. Le ipotesi di reato contestate ai magistrati firmatari del decreto di sequestro degli atti relativi a "Poseidone" e "Why Not", si riferiscono al fatto che le inchieste sono tuttora in corso e che la sottrazione degli atti a Catanzaro comporterebbe un inevitabile blocco dell'attività di indagine.

Secondo quanto si è appreso gli avvisi di garanzia emessi dalla Procura generale di Catanzaro riguarderebbero il procuratore capo di Salerno Luigi Apicella e i suoi sei sostituti ( Dionigio Verasani, Gabriella Nuzzo, Patrizia Gambardella, Roberto Penna, Vincenzo Senatore e Antonio Centore) che indagano su quanto accaduto nell'ufficio giudiziario catanzarese. Le contestazioni mosse ai magistrati salernitani sarebbero di abuso di ufficio e interruzioni di pubblico servizio. La procura di Catanzaro, inoltre, ha bloccato il passaggio degli atti sequestrati martedi' scorso dai magistrati salernitani.

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA