A- A+
Politica

Alessio De Giorgi, il direttore di Gay.it, lascia la sua candidatura nelle file della Lista Monti. Lo fa con un editoriale nel quale spiega di essere stato vittima di un “tritacarne mediatico” del quale fa come capolista il quotidiano “Libero” insieme ad altre testate ed emittenti. E se ne va giustificando le sue attività imprenditoriali come “Attività assolutamente lecite svolte dalle società di cui ero prima amministratore avendo dato le dimissioni proprio a causa del mio impegno in campagna elettorale ed adesso socio al 20,4%: attività di cui non mi vergogno minimamente, tant'è che non ho avuto problemi e/o imbarazzi a parlarne e a "giustificare" quelle che per un imprenditore quale sono altro non sono che fonti di reddito per sé ed i suoi soci”.

Ma davvero c'è la Santa Sede dietro la cacciata di De Giorgi dalla Lista Monti, come alcuni dicono? La risposta che arriva direttamente dal portavoce di De Giorgi, Matteo Orsucci, è: “No comment”. E da Oltretevere la risposta al telefono è: “De Giorgi? Ma possibile che nessuno si sia accorto del fatto che Monti è stato mollato? Ancora con l'endorsement a Monti? Dai, ragazzi...”. Poi il nostro interlocutore osserva: “Sant'Egidio ha piazzato una decina dei suoi nelle liste di Monti: e a non tutti è piaciuto questo attivismo”. Tanto che adesso c'è chi sta iniziando ad avere seri dubbi sulle capacità elettorali del Professore, quantomeno Oltretevere. “Troppa enfasi, era meglio il trasversalismo in stile Todi”, conclude il nostro interlocutore.

 

di Antonino D'Anna

Tags:
vaticanomontigay

i più visti

casa, immobiliare
motori
Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze

Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.