De Magistris/ Il Csm: dai magistrati vulnus gravissimo

Sabato, 7 febbraio 2009 - 18:54:00


SONDAGGIO/ E' giusto limitare l'uso e vietare la pubblicazione delle intercettazioni, come vuole fare il premier?

Abuso e privacy: Genchi indagato a Roma

Intercettazioni/ Giocchino Genchi: "Ecco chi ha ostacolato il lavoro di De Magistris. Ora rischio come Adamo Bove"

Gioacchino Genchi, ecco chi è l'uomo che fa tremare il Palazzo

Intercettazioni/ Genchi: "Il premier tirato dentro ad arte. Io non ho nessun archivio segreto"

Rutelli e l'accusa di De Magistris. Fronte bipartisan: provocazione

Appalti Romeo/ Il gip accoglie l'incostituzionalità, atti alla Consulta

I magistrati di Salerno e Reggio Calabria che hanno dato vita a "uno scontro tra procure che non ha precedenti" hanno arrecato un "inusitato vulnus" alla sistema giurisdizionale italiano, perdendo i requisiti di "imparzialità ed equilibrio" propri di un magistrato. Per questo la sezione disciplinare del Csm il 19 gennaio ha disposto la sospensione dalle funzioni e dallo stipendio di Luigi Apicella, procuratore capo di Salerno, e il trasferimento ad altra sede e ad altre funzioni dei suoi sostituti, Dionigio Verasani e Gabriella Nuzzi, e contemporaneamente ha stabilito il trasferimento del procuratore generale di Catanzaro Enzo Iannelli e del sostituto Alfredo Garbati.



Leggendo le 61 pagine delle motivazioni di quella sentenza si evince infatti che i cinque magistrati hanno inferto "un inusitato vulnus" al sistema giudiziario, una ferita "mai verificatasi prima nella storia repubblicana della "funzione giurisdizionale, fondamentale nel nostro Stato democratico e di pari dignità, secondo la nostra Costituzione, rispetto alle altre funzioni, legislativa ed esecutiva". In più, "nessuno degli incolpati nel corso delle diverse udienze camerali - si legge ancora nella sentenza - ha dimostrato di essersi minimamente reso conto dell'eccezionale gravità del proprio comportamento deontologico, che violando fondamentali regole procedurali, ha determinato il concreto di una vera e propria implosione della giurisdizione".

Discorso a parte merita "il comportamento processuale dei magistrati di Salerno", che hanno abbandonato l'Aula dopo aver letto una dichiarazione. QUesto, secondo il Csm, "dimostra che essi hanno inteso difendersi 'dal processo' e non 'nel processo'. L'essenza stessa della giurisidizione, invece, fonda sul rigoroso rispetto delle regole da parte di chi ne rappresenta il centro e il cuore, ovvero il magistrato. Non vi è giurisdizione credibile se non vi è rispetto delle regole da parte dei suoi protagonisti e senza una giurisdizione credibile - scrivono ancora i consiglieri - si pone in crisi una delle funzioni fondamentali di uno Stato democratico e si scivola verso uno Stato di polizia, che è la negazione del moderno Stato di diritto ed è di ostacolo alla realizzazione di quel principio fondamentale della nostra Costituzione, secondo cui la legge è uguale per tutti".

0 mi piace, 0 non mi piace

Commenti


    
    Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
    Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
    Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
    Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
    Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
    Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
    Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
    Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
    LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

    LA CASA PER TE

    Trova la casa giusta per te su Casa.it
    Trovala subito

    Prestito

    Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
    SCOPRI RATA

    BIGLIETTI

    Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
    PUBBLICA ORA