A- A+
Politica
Democrazia al SERVIZIO dei segreti?



Pur essendo consapevole di quanto contino i rapporti di forza tra le classi a livello interno ed internazionale, e quindi senza illusione alcuna sull’andamento di importanti vicende come questa;  non posso tuttavia esimermi -come responsabile di un partito politico non rappresentato oggi in Parlamento, ma pur sempre  erede ideale di una delle forze fondamentali che costruirono la Repubblica e la stessa Costituzione Italiana- nel commentare ed esigere chiarezza rispetto alla nomina del Presidente del Copasir e cioè dell’organismo parlamentare di controllo dei servizi segreti che -per legge- deve affidarne la presidenza ad un membro dell’opposizione. La  legge è la 124/2007, norma di iniziativa parlamentare approvata all’unanimità proprio per chiudere con la storia dei cosiddetti servizi segreti deviati e di tutta quella terribile stagione.Ripeto, pur senza farsi soverchianti illusioni, la legge dovrebbe esser un pilastro della democrazia, anche perché approvata all’unanimità: essa affida al  governo e, nello specifico,  al presidente del Consiglio tutti i poteri sulla intelligence, dei quali risponde solo al Copasir e non più al Parlamento, di rimando quindi al Presidente del Copasir in quanto espressione -ripeto per legge- della opposizione. Ad un forte potere (del governo), viene contrapposto, dalla legge 124, un potere di garanzia affidato alla opposizione. Ove ciò non accadesse,  che garanzia potrebbero avere i cittadini, visto che praticamente tutta la attività del Copasir è secretata? Con l’avvento del Governo Draghi la maggioranza si è estesa ad una amplissima area del Parlamento lasciando all’opposizione un numero non proprio esiguo di ex-rappresentanti del M5S e di quelli della destra di FdI.Su questa vicenda -e nello specifico nel non lasciare nelle mani del governo e dell’intera maggioranza di  governo la questione del controllo sui servizi segreti- si sono espressi in questi giorni, in modo univoco e netto, costituzionalisti, giuristi ed editorialisti di ogni orientamento politico. I Presidenti delle Camere, rispondendo all’attuale Presidente (divenuto di maggioranza) della Commissione, il leghista Volpi, invece di richiedere che fosse rispettata la legge, hanno sì ribadito il contenuto della legge stessa, ma contemporaneamente si sono rimessi agli  accordi tra i gruppi politici, non avendo il potere di revocare il mandato al presidente o ai commissari.Il leader della Lega Salvini -passato evidentemente in maggioranza- ha chiesto le dimissioni di tutti i membri della Commissione. Adolfo Urso di FdI ed il forzista Elio Vito lo hanno fatto, ma non sono seguite le conseguenti dimissioni dei due componenti leghisti, Arrigoni e lo stesso Volpi, nè tantomeno degli altri membri della Commissione. In sostanza  il Copasir procede la sua attività senza alcun esponente dell’opposizione, con 8 componenti su 10 solo di maggioranza. Si deve rispettare la legge con le dimissioni politiche di tutti i componenti e riscriverne la composizione in merito alla proporzionalità presente in Parlamento, e comunque affidarne la presidenza ad un esponente ex-M5S o ad uno di FdI, rispettando così la legge. Cosa che in questo Paese, anche su un tema fondamentale come quello dei servizi segreti, sembra apparire un optional. Servirebbe una rapida soluzione rispetto ad uno status quo palesemente illegale.

Commenti
    Tags:
    copasir servizi segreti
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Conte e Lautaro: pace sul ring E Lukaku fa lo speaker. Video

    Inter, torna il sereno

    Conte e Lautaro: pace sul ring
    E Lukaku fa lo speaker. Video

    i più visti
    in vetrina
    Ferragnez: "Abbiamo comprato casa a Milano, sarà pronta nel 2022"

    Ferragnez: "Abbiamo comprato casa a Milano, sarà pronta nel 2022"


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Renault rinnova la sua gamma di veicoli commerciali

    Renault rinnova la sua gamma di veicoli commerciali


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.