A- A+
Politica
E' un inaudito atto di guerra della Germania

 

Mentre Trump, Putin, Cina, Cuba, Albania ecc inviano aiuti all'Italia e mentre i benpensanti "Globalist" del FMI li negano al Venezuela, ecco che la Germania compie un inaudito atto di guerra contro l'Italia nel momento del bisogno, a riprova che il mondo non va avanti secondo regole di amorosi sensi, come per una cretina narrazione, ma è una lotta senza esclusione di colpi dove le presunte organizzazioni super partes (ci vuole un bel coraggio) sono in realtà "neoliberisticamente" schierate e le nazioni fanno i loro interessi in modi anche immorali.  

Non bastava la negazione degli eurobond, cioè l'impedire definitivamente alla UE di diventare una vera Unione (l'ologramma Gentiloni ha ammesso non saranno mai concessi), adesso la Germania, dopo anni di violazione del Trattato sul Funzionamento Europeo per export eccessivo (madre del Target 2) e di concorrenza sleale (l'euro fatto per avvantaggiarla di un 20% nei nostri confronti), chiede agli investitori di vendere BTP cioè il debito estero italiano, esploso in realtà proprio grazie alla moneta unica. Cosa significa questo? Significa alzare artificiosamente lo spread e portare l'Italia nei pressi del default. Ma quello che fa più schifo, mi si passi il termine, è compiere un atto di guerra di questo tipo durante una feroce mattanza sanitaria (oltre 10 mila morti nello Stivale). Gli autori non sono i semplici cittadini tedeschi, colpiti pure loro da anni di contrazione della quota salari per mano dei loro politici e finalizzata alla guerra commerciale, al mercantilismo, ma i responsabili sono i governi ed i banchieri tedeschi; sembrano proprio "tornati" quelli di un tempo e tutte le scuse degli ultimi decenni puzzano di ipocrisia. Per la precisione è stata la Commerzbank, detentrice di ben 9.5 miliardi di euro di prestiti al nostro paese, a macchiarsi dell'ennesimo atto estremista, con l'aggiunta di un tempismo vergognoso. A questi signori va il mio sarcastico plauso e lo sdegno, sdegno che rivolgo una volta ancora anche a chi, per anni, ha mentito agli italiani e ha riempito le conferenze di emozionatissime terminologie sulla panzana dell'Europa di Ventotene. In questi consessi volavano offese verso chi parlava in modo strettamente tecnico ed economico:  razzismo, fascismo, nazismo e altre accuse aberranti ed infamanti verso chi semplicemente si limitava a denunciare come la Germania usufruisse di una moneta costruita esclusivamente su misura per lei. 

Speriamo che l'epopea delle frottole e dell'ipnosi termini.

Loading...
Commenti
    Tags:
    germania atto di guerra
    Loading...
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    Soldi, riforme e opere Conte promette di tutto

    Coronavirus vissuto con ironia

    Soldi, riforme e opere
    Conte promette di tutto

    i più visti
    in vetrina
    Nina Moric mostra il lato B: foto in intimo bellissima

    Nina Moric mostra il lato B: foto in intimo bellissima


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Emergenza Covid-19, Fase 2 – Opel: “L’evoluzione del digitale”

    Emergenza Covid-19, Fase 2 – Opel: “L’evoluzione del digitale”


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.