@Tommaso5mani

emilio fede@Tommaso5mani

emilio fede@Tommaso5mani

emilio fede
A- A+
Politica

Di Tommaso Cinquemani
 twitter@Tommaso5mani

emilio fede
"Berlusconi teme per la sua libertà personale. Però non finirà come Craxi, non diventerà mai un latitante". Emilio Fede, direttore storico del TG4 e ora de 'La Discussione', descrive ad Affaritaliani.it lo stato d'animo, le speranze e le paure del Cavaliere che in questi giorni deve decidere come scontare l'anno di reclusione. "Sta valutando l'ipotesi di andare in una casa di riposo in onore della madre Rosa". E se è sicuro che il Cav non lascerà mai la guida di Forza Italia ad un altro è anche sicuro che "Marina sarebbe la persona perfetta, se solo volesse scendere in campo". Al centro delle preoccupazioni del Cav c'è anche il futuro delle sue aziende: "Mediaset rischia e sarebbe un delitto se qualcuno la scalasse". E sul governo Letta: "Si voterà a febbraio, ma sarà il Pd a farlo cadere".


Direttore Fede, lei che conosce Silvio Berlusconi da una vita, di che umore è?
"Conosco Berlusconi come pochi, abbiamo una amicizia che va avanti da 25 anni. L'ho visto molto carico, determinato. Erano giorni che meditava di parlare all'opinione pubblica per spiegare le sue ragioni, cosa che poi ha fatto con l'ultimo videomessaggio. E' però molto preoccupato, soprattutto per la sua libertà personale. A tormentarlo poi sono gli altri processi che stanno per arrivare, come il caso Ruby e il caso De Gregorio".

Le ha confidato come pensa che finiranno questi procedimenti?
"Sì, lo ha fatto. Ma non posso rivelare nulla. Quello che posso dire è che mi ha detto che non finirà come Craxi. Non diventerà mai un latitante".

In questi giorni il Cavaliere dovrà decidere se scontare la sua pena ai servizi sociali oppure agli arresti domiciliari, ne avete parlato?
"Si, ne abbiamo parlato a lungo e lui non esclude i servizi sociali. Non mi piace però questo continuo tirarlo per la giacchetta, con Don Mazzi che gli chiede di andare da lui per raccogliere i pomodori, invece che andare con Don Gelmini. E' una situazione squallida".

In quale associazione gli piacerebbe scontare la pena di un anno decisa dalla Corte di Cassazione?
"Una ipotesi sul tappeto è quella di andare in una casa di riposo. Come tutti sanno lui era molto legato alla madre Rosa che faceva spesso visita nelle case di riposo della provincia di Milano".

Nel Pdl si sta parlando molto della nuova Forza Italia e del ruolo che avranno i leader del Pdl, come Alfano. Al di là delle dichiarazioni ufficiali che cosa pensa il Cavaliere del segretario?
"Berlusconi non può che considerarsi il capo assoluto di Forza Italia. Lui è Forza Italia. Chiunque sia l'alternativa non abdicherà mai, Fi è una sua creatura e la gente non capirebbe se fosse guidata per mano da un altro. Io ho aperto un blog per parlare con gli italiani di questioni politiche e in un mese ho raccolto 16mila adesioni. Ne farò un movimento di supporto politico".

Tutti parlano di Marina Berlusconi come della possibile delfina del Cav. Lei ha smentito, ma potrebbe scendere in campo per raccogliere il testimone del padre?
"Marina è una persona straordinaria, eccezionale. E' una donna con grande grinta, ma dato che la conosco, so che quando ha detto che non avrebbe mai accettato una investitura era sincera. Il suo è un no secco, non ci sono spiragli. Certo lei è quella che può interpretare il volere del padre, sarebbe la persona giusta, ma deve guidare una azienda maltrattata come la Mondadori".

Lei è stato direttore del Tg4 per anni e conosce molto bene Mediaset. Teme che, dopo la condanna al risarcimento milionario, De Benedetti possa scalare l'azienda?
"Mi auguro che siano ipotesi infondate. Certamente l'azienda rischia e sarebbe un grave e inaccettabile delitto che qualcuno possa scalarla. Mediaset è nata e cresciuta grazie al sacrificio di una intera famiglia e di Berlusconi".

Secondo lei il governo Letta regge oppure presto dovremo prepararci per andare a votare?
"Il governo Letta non regge. Ma a restare con il cerino in mano saranno Renzi e compagni. Ho sentito pareri autorevoli del mondo politico che dicono che si voterà a febbraio. La situazione si è complicata con il protagonismo di Renzi, che è una persona intelligentissima e simpaticissima, ma che ha finito col pestare i piedi a troppe persone che lui pensava di rottamare. Il Pd è in fibrillazione, ma sono certo che non sarà Berlusconi a far cadere al governo Letta. Non lo farà, me l'ha sempre detto. Ma a questo punto c'è chi gli toglie le castagne dal fuoco: il Pd".

Lei ha mai conosciuto Matteo Renzi?
"Dopo che è stato ad Arcore molti giornali hanno scritto di una possibile complicità politica con Berlusconi. Lui aveva paura che queste voci fossero confermate da un incontro con me e quindi si è sempre rifiutato di farsi intervistare".

Tags:
emilio fedecraxiberlusconimediasetmarina

i più visti

casa, immobiliare
motori
Porsche Taycan nuova safety car della Formula E

Porsche Taycan nuova safety car della Formula E


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.