A- A+
Politica


 

enrico morando

"Il Pd ha più analogie con la lista Monti che con Vendola". Lo ammette con un'intervista ad Affaritaliani.it, Enrico Morando, leader dei liberal del Pd, citato dal premier dimissionario come esempio del Pd “buono” contrapposto a quello “cattivo” di Fassina. E' sull'Europa che, secondo il senatore, il Pd e la formazione che sostiene il Professore si avvicinano di più: "Sicuramente il Pd e quella che viene chiamata la Lista Monti hanno in comune un elemento molto importante: la loro collocazione saldamente europeista". Poi Morando ricorda a Vendola la Carta d'Intenti sottoscritta prima delle primarie del Centrosinistra: "Nel documento firmato dai leader di Pd-Sel e Psi c'è scritto che i progressisti lavorano per stabilire, dopo il voto, rapporti di cooperazione con forze di centro".

Monti chiede a Bersani di tagliare le estreme e silenziare Fassina. Che cosa ne pensa?
"Come noto non sono d'accordo con le posizioni di Fassina a prescindere da quello che dice Monti. E' ovvio che io dica che Bersani dovrebbe posizionare il Pd su una linea di politica economica più vicina alle mia rispetto a quella incarnata dal nostro responsabile economico. Ma non sono d'accordo con Monti quando parla di silenziare o emarginare Fassina".

Lei si trova a suo agio nel Pd?
"Ma certamente. Soprattutto dopo che alle primarie di centrosinistra è emersa con forza quanto grande sia il consenso di cui gode la posizione nella quale mi riconosco".

L'alleanza con Vendola è proprio necessaria?
"Penso che, nel momento in cui un anno fa è stata siglata l'alleanza, sarebbe stato preferibile avere un Pd che si candidava sulla base del suo programma e del suo profilo alla guida del Paese. Un Pd che avrebbe dovuto tenere aperto l'orizzonte delle alleanze sia verso il centro, sia verso sinistra. E' stata fatta una scelta diversa e ormai va accettata”.

Lei prospetta un'alleanza con la lista Monti?
"Sicuramente il Pd e quella che viene chiamata la lista Monti hanno in comune un elemento molto importante: la loro collocazione saldamente europeista. Entrambi avranno di fronte liste, competitori e partiti che hanno proprio sul punto che riguarda il modo di stare in Europa, e in alcuni casi addirittura l'opportunità di stare in Europa, con posizioni diametralmente opposte. Qui c'è un punto di contatto da utilizzare. Poi vedremo che forma prenderà".

Il Pd ha più analogie con Vendola o con Monti?
"Secondo me più con Monti che con Vendola. Ma questo non significa che adesso si possa mettere in discussione la scelta che il Pd ha fatto di avere un rapporto prioritario con Vendola".

Non le sembra che Monti stia ponendo  delle condizioni a Bersani in vista di una futura alleanza?
"Monti fa semplicemente il suo discorso a cui il Pd ha piena legittimità di contrapporre il proprio. La scelta del Pd di fare le primarie assieme a Sel con Vendola candidato è stata assunta allora e che ha un carattere irreversibile. Vedremo dopo il voto che cosa questo significherà in termini di possibilità di stabilire un rapporto con formazioni centriste. Ma proprio per questo vorrei ricordare una cosa”.

Quale?
"Nella Carta d'intenti sottoscritta da Pd-Sel e Psi c'è scritto che i progressisti lavorano per stabilire, dopo il voto, rapporti di cooperazione con forze di centro. Non c'è niente da scoprire è tutto scritto nella Carta d'intenti".

Anche se Vendola ha escluso l'alleanza con Casini...
"Lo diceva anche nel momento in cui firmava la Carta d'Intenti. Dire che a questo punto sono problemi di Vendola".

Daniele Riosa (su Twitter @DanieleRiosa)

Tags:
morandopdvendolamonti

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuovo Nissan Townstar, disponibile con motore benzina o 100% elettrico

Nuovo Nissan Townstar, disponibile con motore benzina o 100% elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.