A- A+
Politica
Esclusivo: mancano 10 miliardi. Inevitabile la manovra correttiva


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Matteo Renzi ha escluso una manovra correttiva. E non poteva fare altrimenti. Come farebbe, d'altronde, a meno di dieci giorni dalle elezioni europee dire che dopo l'estate per gli italiani saranno ancora lacrime e sangue? Impossibile. Impensabile. Ma - secondo quanto Affaritaliani.it è in grando di rivelare - l'esecutivo sta preparando le contromosse per fronteggiare la nuova e inattesa caduta del Pil.

I numeri parlano chiaro e non sono smentibili. Il governo ha stimato per quest'anno una crescita dello 0,8% ma la Commissione europea e l'Fmi parlano dello 0,6%. Considerando che nel primo trimestre di quest'anno il Pdl è stato addirittura meno 0,1% è facile ipotizzare che per l'intero 2014, stando pure ottimisti, non si vada oltre lo 0,5%. Un punto di Pil sono 15 miliardi di euro e quindi un divario dello 0,3% tra crescita programmata e reale corrisponde a circa 5 miliardi di euro. Soldi da trovare.

Non solo. C'è da aggiungere poi un miliardo per la cassa in deroga, visto che quest'anno non è stato stanziato ancora un euro e l'occupazione non è certo in ripresa. Attenzione, però, perché le grane per Renzi non sono finire. Una parte degli 80 euro in busta paga non è coperta, dato che c'è stata una sovrastima delle entrate e del recupero dall'evasione fiscale. Ballano in questo caso altri 3-4 miliardi. E infine c'è da considerare che i 700 milioni stimate per il taglio delle province sono tutti sulla carta, a meno che non si voglia rischiare di non pagare gli stipendi. Somma totale: 10 miliardi di euro circa, ovvero i soldi che il governo dovrà in qualche modo trovare a settembre con una manovra correttiva.

Il problema è che il premier non vuole assolutamente cedere e chiedere soldi agli italiani. Almeno così pare. E quindi? Altre tasse sarebbero una mazzata finale per la crescita e altri tagli non produrebbero risparmi immediati. E' probabile quindi che Renzi cercherà di andare a Bruxelles per convincere i partener Ue a lasciar sforare all'Italia il rapporto deficit-Pil del 3%, così come hanno fatto Spagna e Francia.

Questa è l'unica possibilità per evitare una manovra aggiuntiva che comunque le istituzioni finanziarie (attraverso l'arma dello spread) e anche il Capo dello Stato prima o poi chiederanno al governo. O il premier convince la Merkel (in sostanza è lei che comanda in Europa) magari battendo i pugni oppure andranno trovati 10 miliardi. Le smentite in campagna elettorale valgono poco. Anzi, nulla.

Tags:
manovrarenzigovernotassetagli
in evidenza
Nargi, che sirena al tramonto L'ex velina infiamma Instagram

Un'estate bollente- FOTO

Nargi, che sirena al tramonto
L'ex velina infiamma Instagram


in vetrina
KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo

KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo


casa, immobiliare
motori
Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"

Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.