Ecco la Gaza che non abbiamo visto. Il cadavere carbonizzato di un bimbo

Martedì, 27 gennaio 2009 - 09:20:00


Ucciso un soldato israeliano a Gaza

Gaza/ Egitto ad Hamas: accetta tregua prima che arrivi Netanyahu. L'Ue appoggia un governo nazionale palestinese

Dopo la Bbc anche Sky rifiuta lo spot per le vittime di Gaza

Il collasso umanitario della Striscia di Gaza

Gaza/ Pizza e coca per i soldati israliani al fronte

Aiuti umanitari a Gaza/ Raccolta fondi di GVC Onlus per la Banca del sangue e per l'acqua

Massimo 'Hamas' D'Alema rivoluziona la politica

Apartheid israeliano in Palestina. Così niente pace. Lettera di Mandela al giornalista ebreo Friedman

Bambini palestinesi con genitori israeliani e viceversa. Ecco la soluzione per Gaza Di Massimiliano Fanni Canelles

'A Gaza non ci sarà pace con Hamas' Di Emanuele Fiano

Gaza/ Nella Striscia non perdono il sorriso. Ma le bombe continuano a cadere... La testimonianza di una volontaria

La testimonianza/ Una volontaria sulla Striscia di Gaza scrive ad Affari

Gaza/ La guerra che c'è e l’Europa che non c'è Di Arduino Paniccia

Obama avalla D'Alema. Frattini a disagio sul fronte orientale Di Antonio V. Gelormini

La guerra "giusta" di Israele Di Pasquale Della Torca

Gaza/ "Nessuna aggressione legittima un genocidio", di Emanuele Fiano

Paniccia ad Affaritaliani.it: l'obiettivo di Israele è l'Iran. E' in corso un regolamento di conti

Affaritaliani.it pubblica il documentario 'Unseen Gaza' (Gaza mai vista), trasmesso dal canale britannico Channel 4. Un reportage critico su come la guerra è stata raccontata dai giornalisti e dai media occidentali. Costretti a seguire il conflitto da una "collina", i reporter hanno offerto una lettura parziale della realtà, denuncia il reportage. Israele ha infatti negato l'accesso a Gaza dei reporter stranieri . Erano liberi di operare invece i media palestinesi e Al Jazeera. Le immagini trasmesse sulla guerra quindi erano quelle della tv araba.

Jon Snow è il conduttore del programma, un giornalista che arriva a Gerusalemme all'inizio del conflitto. Nel palazzo destinato a sede della stampa internazionale, all'ingresso, vi sono i resti di un razzo Qassam, racconta. "Il messaggio era chiaro" spiega Jon, "Israele è sotto attacco." Ai giornalisti occidentali, ai quali non sarà permesso entrare a Gaza ufficialmente per motivi di sicurezza, vengono consegnati opuscoli intitolati "Operazione Piombo Fuso" ovvero propaganda come in ogni guerra che si rispetti.

CLICCA QUI PER GUARDARE UNSEEN GAZA (PARTE I, da Channel 4)



 

CLICCA QUI PER GUARDARE UNSEEN GAZA (PARTE II, Channel 4)



Le difficoltà nel raccontare questo conflitto con i metodi tradizionali sono evidenti, non sarà infatti possibile ascoltare la voce dell'altro contendente, cioè di Hamas. Una giornalista israeliana intervistata da Snow spiega che il motivo consiste nell'evitare che succeda come in Libano nel 2006 dove ai giornalisti "veniva suggerito cosa dire e non dire da Hezbollah". Allora perché non farli andare a Gaza, stavolta? "Perché in ogni caso parlerebbero male di Israele."

Il documentario sottolinea che i luoghi di distruzione ai quali le autorità israeliane permettono di avvicinarsi sono quelli colpiti, in territorio israeliano, dai razzi Qassam. Viene fatto notare però nel documentario che, dall'inizio del conflitto, vi sono state solo una vittima civile israeliana e una decina di militari. La sproporzione tra la necessità di difendersi e il volume di fuoco effettivamente scatenato su Gaza come rappresaglia è evidente, sottolinea il giornalista.

Ma se i giornalisti sono tenuti fuori dal conflitto, chi racconta la guerra dall'interno? Gli inviati dei giornali e delle tv arabe, come Al Jazeera. Informazioni e immagini, sicuramente suggestionate dalla propaganda di Hamas, ma che comunque offrono un altro punto di vista forse più crudo che i media censurano.

Viene riportato a questo punto, nel documentario, il caso di un servizio arrivato alle televisioni occidentali da un'emittente araba, nel quale veniva mostrato il corpicino carbonizzato di una bimba. Un'immagine sconvolgente che le emittenti occidentali hanno censurato. In un'intervista, Jeremy Bowen, corrispondente dal Medio Oriente della BBC, si lamenta del fatto che queste immagini sono comunque decontestualizzate e non rendono paradossalmente il dramma della guerra. "Ho visto una cosa terribile l'altro giorno, un padre che baciava con tenerezza infinita il figlio morto. Se mi fosse stato possibile andare a Gaza, sarei andato nella casa di quest'uomo, se fosse stata ancora in piedi, avrei raccontato la sua storia. Ma questo è impossibile". "Se vedi un mucchio di corpi di bambini sei sconvolto, ma lo sei ancora di più se puoi raccontare lo strazio delle madri e dei padri".

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA