A- A+
Politica

Nello specifico, il tesoriere Giorgio De Lucchi da solo risponde di appropriazione indebita ai danni del partito Italia dei Valori e in concorso con la convivente, una funzionaria dell'Agenzia delle entrate della Sopezia, di favoreggiamento nei confronti dell'allora gruppo regionale Idv. I consiglieri (Nicolo' Scialfa, Maruska Piredda, Stefano Quaini e Marylin Fusco) rispondono invece di concorso in peculato "perche' - si legge nelle carte della procura - quali componenti del consiglio regionale e gruppo consiliare Idv, si appropriavano di somme di denaro pubblico (che venivano quindi distratte a spese per finalita' personali e non istituzionali) erogate dalla Regione Liguria quali contributi in favore del Gruppi consiliari, per il funzionamento, nonche' per le iniziative politiche e per le attivita' collegate ai lavori del Consiglio di ciascun gruppo consiliare".

"De Lucchi avrebbe prelevato in contanti il denaro dell'Idv presso alcuni istituti - si legge ancora - e consegnato ai singoli consiglieri, i quali sottoscrivevano apposite ricevute. Successivamente questi ultimi consegnavano a De Lucchi i giustificativi di spesa. Gli inquirenti avrebero reperito materiale che prova che i consiglieri - si legge ancora - hanno affrontato spese da considerarsi personali e comunque estranee alle finalita' ex art 21.r. 39/1990, si ritiene con i contributi erogati dalla Regione ex art. 2, legge 39/1990". L'indagine, secondo quanto riferito in procura, ha avuto inizio dalla precedente inchiesta sulle sponsorizzazioni al Pontedecimo Calcio relative al 2006 e 2007, stagione in cui Marylin Fusco era segretaria e suo marito, Giovanni Paladini, era presidente onorario. Anche questa inchiesta e' condotta dal pm Nicola Piacente.

"Per quanto riguarda i bilanci delle spese sostenute dall'Idv nel 2010 e 2011, io non ne ho mai preso visione, in quanto non ero capogruppo. In relazione al 2012, il bilancio era in corso di analisi, da parte mia e del tesoriere, e mi sarei riservata di non firmarlo, eccetto la parte relativa alle spese sostenute nell'ultimo mese, da quando ho assunto l'incarico di capogruppo". Cosi' Maruska Piredda, capogruppo dell'Idv in Consiglio regionale dal 22 novembre 2012, tra i sei indagati nell'ambito dell'inchiesta della Procura genovese sui finanziamenti ai gruppi consiliari, a seguito del blitz effettuato questa mattina dai finanzieri del nucleo di polizia tributaria di Genova negli uffici dell'Italia dei Valori.

I militari avrebbero effettuato perquisizioni anche nelle abitazioni di alcuni indagati. "Da parte mia - ha aggiunto Piredda - c'e' stata massima disponibilita' nei confronti dei finanzieri ai quali ho consegnato tutta la documentazione richiesta. Dal momento che sono io il capogruppo, benche' da pochi mesi, e' formalmente corretto che siano venuti da me. Nei prossimi giorni - ha concluso - mi rechero' dal pubblico ministero per chiarire la mia posizione".

Tags:
liguria

i più visti

casa, immobiliare
motori
Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw

Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.