A- A+
Politica


 

Giancarlo Gentilini

Giovanni Manildo è il nuovo sindaco di Treviso. Vince con il 55% delle preferenze e scalza la Lega da Ca' Sugana dopo 19 anni di governo ininterrotto. Sconfitto Giancarlo Gentilini, il vicesindaco sceriffo. "L'essere riusciti a raggiungere questo risultato, e l'entusiasmo dei cittadini lo dimostra - ha detto il neosindaco Manildo - rappresenta qualcosa di storico". Questi i numeri: per Manildo 21.403 voti e il 55,5%, a Gentilini 17.159 preferenze pari al 44,5% dei consensi. Affluenza in calo al ballottaggio: alla chiusura dei seggi ha votato il 58,61 % degli aventi diritto, in calo di quasi 4 punti punti rispetto a due settimane fa. Al primo turno l'affluenza infatti era stata del 63,2%, con 42.110 elettori.
 
Giovanni Manildo era uscito in testa dalle urne con il 42,5% delle preferenze (17 mila voti); dietro di lui Gentilini con il 34,8% (14 mila voti). Lo Sceriffo ha seguito l'andamento del voto chiuso nel suo ufficio con i fedelissimi. Il centrosinistra invece ha festeggiato da via Ortazzo, sede del comitato elettorale.

"È finita l'era Gentilini, è finita l'era della Lega e del Pdl. Stop. Adesso Gentilini scompare dalla scena amministrativa e politica": è il commento all'Ansa di Giancarlo Gentilini, che a poche sezioni dalla fine esce sconfitto dalla corsa a sindaco di Treviso, città dove la Lega ha governato negli ultimi 20 anni. Poi aggiunge: "E' mancato il supporto della Lega e del Pdl. Io i miei voti me li sono presi. Mi sono mancate le stampelle. Mi hanno buttato nel fango della sinistra". E ancora: "In generale è finita. Abbiamo perso dappertutto. Bisogna sapere che l'orda barbara della sinistra non si ferma mai". E questa dell''onda barbara' potrebbe essere una delle ultime sue frasi celebri che hanno caratterizzato il modo di interpretare la politica.
 
Nella città della Marca, governata per 20 anni dal Carroccio, prima dallo stesso Gentilini e poi dal segretario della Liga Veneta Gianpaolo Gobbo, la chiusura della lunga fase leghista ha l'immagine dei grandi manifesti con il profilo di Gentilini ed il pollice alzato, già strappati e consumati dalla pioggia. Manildo, del Pd, avvocato di estrazione cattolica, è stato protagonista di una campagna elettorale tenace e capillare, e partiva dal 42,5% conquistato al primo turno.

ZAIA - Con queste comunali e i ballottaggi, culminati nella sconfitta di Treviso, per la Lega Nord si chiude un ciclo e ora il Carroccio deve ripartire con nuovi stimoli. Questa l'analisi a caldo del presidente della Regione Veneto, Luca Zaia: "Per noi si chiude un ciclo. D'altra parte si contano sulle dita di una mano amministrazioni che riescono a sopravvivere a se stesse". "Ora la Lega deve ripartire. Siamo nella fase del ricambio generazionale, si riparta con nuovi stimoli e nuovi obiettivi", ha concluso Zaia.

Tags:
gentilini
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Hannibal mette a fuoco l'Italia Meteo, temperature fino a 35°

Hannibal mette a fuoco l'Italia
Meteo, temperature fino a 35°


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.