A- A+
Geopolitica
Assange, M5s e Russia contro gli Usa. Avviate verifiche per l'estradizione

Il M5s si schiera con grande decisione dalla parte di Julian Assange, il fondatore di Wikileaks arrestato a Londra su richiesta degli Stati Uniti. Sulla stessa linea anche la Russia ma anche diversi Stati sudamericani come la Bolivia.

WIKILEAKS: SIBILIA AVVIA VERIFICHE PER ESTRADIZIONE ASSANGE IN ITALIA

Ha avviato tutte le verifiche del caso per valutare se Julian Assange, il fondatore di Wikileaks oggi arrestato nell'ambasciata ecuadoregna di Londra, sia estradabile in Italia. A quanto apprende l'Adnkronos, il sottosegretario all'Interno Carlo Sibilia si sarebbe messo al lavoro subito dopo aver appreso la notizia dell'arresto. D'altronde lo stesso Sibilia conobbe Assange nel novembre 2013, volando a Londra -proprio nella sede dell'ambasciata dove oggi il 'padre' di Wikileaks è stato arrestato- assieme ad Alessandro Di Battista, Maria Edera Spadoni e Angelo Tofalo, gli ultimi due attualmente vicepresidente della Camera e sottosegretario alla Difesa. Da allora sono passati quasi sei anni, ma il M5S continua a fare il tifo per Assange. E mentre Di Battista su Facebook torna a far sentire la sua voce chiedendo al governo italiano 'di mettere in campo ogni iniziativa possibile' altrimenti 'non ci sarà alcuna differenza con gli scendiletto degli americani che ci hanno governato negli ultimi trent'anni', Sibilia si è messo a lavoro avviando verifiche dal Viminale. Verifiche che, tuttavia, non sembrano per ora imboccare la direzione auspicata da Sibilia. "E' vero - conferma il sottosegretario all'Adnkronos - ho avviato delle verifiche con la mia struttura, ma pare non ci sia alcun presupposto per l'estradzione di Assange. Certo è che tappare la bocca a chi ha avuto il coraggio di far conoscere al mondo notizie scomode - l'affondo - è un brutto segnale per la democrazia: dal Regno Unito non me lo sarei mai aspettato".

WIKILEAKS: M5S, UE SI OPPONGA AD ESTRADIZIONE ASSANGE

"Chiediamo alle Istituzioni europee di opporsi fermamente all'estradizione di Assange verso gli Stati Uniti dove, in ragione dei reati contestatigli, rischierebbe una lunga pena detentiva. Grazie a lui e Wikileaks i cittadini hanno scoperto le condotte illegali di organi istituzionali, istituti finanziari e potentissime lobby. Assange, come tutti coloro che denunciano il malaffare, deve invece ricevere protezione". Lo affermano gli europarlamentari del Movimento 5 Stelle Laura Ferrara e Fabio Massimo Castaldo. "L'arresto odierno di Assange - continuano - appare ancora più eclatante poiché arriva alla vigilia dell'approvazione della direttiva che tutelerebbe i whistleblower in tutta l'Unione europea. Settimana prossima, infatti, è previsto il voto finale di un provvedimento atteso da anni in Europa e che è già realtà in Italia grazie alla legge approvata su proposta del Movimento 5 Stelle". "Il whistleblowing è di fondamentale importanza per lottare contro la corruzione, la criminalità organizzata, le malefatte nella pubblica amministrazione e, in generale, promuove un nuovo approccio etico nella gestione della pubblica amministrazione e della politica. Le Istituzioni europee intervengano per ottenere la liberazione immediata di Assange", concludono i due eurodeputati.

ASSANGE. M5S: HA SVELATO CONDOTTE ILLEGALI DI STATI E LOBBY, TUTELARE SUA INCOLUMITA'

“L'arresto di Julian Assange, il dissidente che ha segnato a livello planetario un’epoca nuova nella tensione fra lo scrutinio democratico delle decisioni dei poteri di governo e la Ragion di Stato, pone un problema drammatico alla coscienza politica di tutto l’Occidente”. Così i parlamentari del MoVimento 5 Stelle nelle commissioni Esteri di Camera e Senato, in una nota.  “Assange- si legge ancora-, con grande coraggio, attraverso la sua azione ha svelato le condotte illegali o minacciose di organi istituzionali e potentissime lobby. La sua Wikileaks ha consentito alla democrazia contemporanea di superare i limiti e le chiusure del giornalismo tradizionale nonché le timidezze dei parlamenti nel correggere i comportamenti opachi di vari governi. Ha dato coraggio alla pratica del whistleblowing e dell’obiezione di coscienza fino a farla riconoscere nelle leggi e nei codici etici a tutti i livelli.  Come MoVimento Cinque Stelle abbiamo sentito sin dall’inizio dell’avventura di Wikileaks un interesse per una pratica che valorizzava il controllo dal basso e la democratizzazione dell’informazione nell’ambito di una rivoluzione tecnologica con un grande potenziale di liberazione per individui e popoli. Per questo motivo, riteniamo che debbano essere fatti tutti i possibili passi affinché a Julian Assange sia riconosciuto il valore e il rango politico del suo attivismo, da sempre minacciato con ogni mezzo, che sia salvaguardata la sua incolumità, che non ci siano forzature politiche nelle procedure a cui sarà sottoposto”.

ASSANGE, LIUZZI (M5S): ITALIA TUTELI SUA FIGURA E SUO LAVORO

"L'arresto di Julian ASSANGE è un bruttissimo colpo per chi crede fermamente nella trasparenza dell'informazione e nella denuncia delle condotte illegali dei poteri oscuri che attanagliano come gramigna le istituzioni internazionali", così in una nota Mirella Liuzzi, segretario di presidenza della Camera e parlamentare del MoVimento 5 Stelle. "E' triste e indegno vedere il suo volto disperato mentre viene letteralmente trascinato fuori dall'Ambasciata. Sono passati 6 anni da quando, insieme ad altri parlamentari M5S, lo incontrai. Aveva ancora molta speranza nel suo volto, nonostante la detenzione forzata", continua la deputata. "Le notizie messe in circolo da ASSANGE e Wikileaks hanno dato acqua fresca a tutti i cittadini che hanno sete di conoscenza e mettono in discussione il pensiero dominante. È arrivato il momento di tutelare la sua figura e il suo lavoro. L'Italia deve essere in prima fila. Questa volta non ci sono più scuse", conclude Liuzzi.

 Assange: Di Battista, governo lo sostenga o scendiletto Usa

"C'e' chi fa finta di difendere la liberta' di stampa ma in realta' difende soltanto editori senza scrupoli e osceni finanziamenti pubblici. Non sono giornalisti ma "sicari" della liberta' di informazione. Volete sapere chi sono? Sono tutti coloro che non difenderanno un patriota dell'umanita' come Assange. Il governo italiano ha il dovere di mettere in campo ogni iniziativa possibile a sostegno di Assange, altrimenti non ci sara' alcuna differenza con gli scendiletto degli Usa che ci hanno governato negli ultimi trent'anni". Cosi', su Fb, Alessandro Di Battista.

Assange: Mosca, solleveremo caso davanti enti internazionali

La Russia intende sollevare la questione dell'arresto di Julian Assange davanti alle organizzazioni internazionali. Lo ha dichiarato la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova. "Certamente - ha detto Zakharova - solleveremo questa questione davanti alle organizzazioni internazionali. Mi sembra che sia molto importante per le organizzazioni giornalistiche poter dire la propria perche' questa situazione e' davvero senza precedenti". 

Commenti
    Tags:
    assangewikileaksarrestoecuadorm5srussiausa
    Loading...
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    La Gioconda senza parrucchiere Taglio di capelli... fai da te

    Coronavirus vissuto con ironia

    La Gioconda senza parrucchiere
    Taglio di capelli... fai da te

    i più visti
    in vetrina
    Grande Fratello Vip 2020 VINCITORE: IL NOME E' CALDISSIMO... Gf Vip 4 news

    Grande Fratello Vip 2020 VINCITORE: IL NOME E' CALDISSIMO... Gf Vip 4 news


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nissan dice no al tablet sul cruscotto e punta sull’onda

    Nissan dice no al tablet sul cruscotto e punta sull’onda


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.