A- A+
Geopolitica
Bolivia, Anez nomina i ministri ma Morales pronto al rientro. Rischio scontro

Bolivia: ​Añez nomina ministri ma Morales pronto al rientro

Nomina di un governo, convocazione di elezioni: in una Bolivia ancora scossa dalle manifestazioni, la presidente in carica Jeanine Añez ha cercato mercoledì di colmare il vuoto politico lasciato dalla partenza di Evo Morales, che ha già detto di essere pronto a tornare a "calmare" la situazione. Nel primo giorno di mandato della signora Añez sono scoppiati scontri tra i manifestanti che sostenevano l'ex capo di Stato e la polizia. Nel villaggio orientale di Yapacani, non lontano da Santa Cruz, un ventenne è stato ucciso da un proiettile alla testa durante gli scontri tra manifestanti filo-morali e la polizia, secondo un medico intervistato dalla radio locale Fides.    

Dall'inizio della crisi post-elettorale alla fine di ottobre, dieci persone sono morte, otto delle quali sono state uccise a colpi di arma da fuoco, secondo l'ultimo rapporto dell'Ufficio del Procuratore generale pubblicato mercoledì scorso. Una precedente valutazione aveva riportato sette decessi.   

E da Città del Messico, dove è arrivato martedì per beneficiare dell'asilo politico, Evo Morales si è detto pronto a tornare in Bolivia per "calmare" la situazione. "Se il mio popolo lo richiede, siamo disposti a tornare per calmare la situazione", ha detto Morales durante una conferenza stampa. "Torneremo prima o poi", ha detto, chiedendo un "dialogo nazionale" per risolvere la crisi del suo paese. Ha anche condannato quello che ha definito "il riconoscimento" di Jeanine Añez da parte del presidente degli Stati Uniti Donald Trump. "Condanniamo la decisione di Trump di riconoscere il governo di destra de facto e autoproclamatosi di destra", ha twittato, dicendo che "il colpo di stato che ha causato la morte dei miei fratelli boliviani è un complotto politico ed economico dagli Stati Uniti".

La Casa Bianca non ha ancora formalmente riconosciuto il governo provvisorio di La Paz. Un alto funzionario del Dipartimento di Stato, Michael G. Kozak, ha semplicemente twittato martedì che gli Stati Uniti "sperano di lavorare" con la signora Añez "così come con le altre autorità civili del paese". Allo stesso tempo, la nuova Presidente ha iniziato a nominare il suo governo nominando undici ministri.

L'accademico ed ex diplomatico Karen Longari è stato nominato nel portafoglio Affari Esteri, e il senatore di destra Arturo Murillo nel portafoglio Interni. Semi-sconosciuta, la signora Añez, avvocato 52enne e oppositrice dell'ex presidente socialista, si è insediata martedì, con la Bibbia in mano e la sciarpa presidenziale, in un vuoto di potere causato dalle successive dimissioni di Morales e dei suoi successori costituzionali. Oltre alla formazione del governo, l'altra priorità del capo di Stato ad interim è la nomina di una nuova autorità elettorale per indire nuove elezioni. Al momento dell'entrata in carica, la signora Añez aveva fissato la scadenza del 22 gennaio come scadenza. Prima della crisi, era in questa data che il prossimo capo di Stato doveva essere nominato.    

Un'altra strada allo studio per la nuova squadra a capo del paese è la chiusura del Parlamento per aggirare il partito di Morales, il Movimento per il Socialismo (MAS), il partito di maggioranza, per governare con decreti presidenziali. Un'opzione che è variamente apprezzata dagli analisti, alcuni dei quali, come l'avvocato Carlos Borth, la considerano una decisione "assolutamente incostituzionale".  Il tutto mentre fioriscono profili Twitter, circa cinquemila in pochi giorni, legati all'hashtag #BoliviaNoHayGolpe per negare che l'accaduto fosse prodotto di un colpo di stato.

Il governo venezuelano di Nicolas Maduro, fedele alleato di Evo Morales, ha respinto mercoledì la "parodia" della proclamazione di Jeanine Añez. Un'ondata di protesta contro la contestata rielezione di Morales per un quarto mandato nelle elezioni del 20 ottobre ha causato sette morti e più di 380 feriti in tre settimane.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    boliviaanezmoralessudamerica
    in evidenza
    Gravidanza e bacio a Rosolino Fede Pellegrini, la verità

    La Divina vuota il sacco

    Gravidanza e bacio a Rosolino
    Fede Pellegrini, la verità

    i più visti
    in vetrina
    E-Distribuzione, il Paradiso Dantesco prende forma sulle cabine elettriche

    E-Distribuzione, il Paradiso Dantesco prende forma sulle cabine elettriche


    casa, immobiliare
    motori
    Volkswagen presenta la nuova Tiguan Allspace

    Volkswagen presenta la nuova Tiguan Allspace


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.