A- A+
Geopolitica
Cina, la visita di Xi sui media: "Ora Italia leader del Mediterraneo"
Foto China Daily

"Un nuovo modello di cooperazione". "Un legame storico che si rinnova". "Un accordo che innalzerà gli standard della Belt and Road Initiative". Tutto è pronto per l'arrivo di Xi Jinping in Italia e i media cinesi celebrano la visita del presidente e la firma del memorandum of understanding sulla Nuova Via della Seta come un grande evento. Il tema è l'apertura del China Daily e il viaggio europeo di Xi campeggia anche sulla prima pagina del Global Times. I titoli sottolineano quanto italiani, ed europei, vorrebbero sentirsi dire da Pechino: "La visita esplorerà spazi per costruire insieme la Belt and Road". Insomma, quanto meno a parole la Cina sembra ampiamente disposta a concedere agli Stati europei, Italia in primis, una partecipazione attiva e decisionale nell'ambito del mastodontico progetto infrastrutturale e diplomatico lanciato nel 2013.

Sul China Daily, che pubblica anche una vignetta con la torre di Pisa e il tempio del Paradiso di Pechino che si salutano sorridendo, sono ospitati diversi interventi sull'argomento. Su Hao, professore di relazioni internazionali alla China Foreign Affair University, sostiene che l'accordo con l'Italia sarà l'occasione per stabilire un nuovo modello di cooperazione, necessario alla Cina per avvicinarsi all'Europa. Secondo Ding Chun, direttore del centro di studi europei della Fudan University, aderendo alla Belt and Road l'Italia migliorerà i propri rapporti bilaterali con la Cina e ne trarrà vantaggi commerciali. Wan Yiwei della Renmin University sostiene che le nazioni avanzate sono le benvenute nell'ambito del progetto cinese per innalzarne gli standard, mentre Zhao Minghao del China Center for Contemporary World Studies sottolinea che l'iniziativa è aperta e adattabile a tutte le economie.

Il Global Times, che pubblica tra l'altro una pagina speciale sugli studenti del Convitto Nazionale Vittorio Emanuele (i destinatari della lettera di Xi negli scorsi giorni che parlava di "nuovi Marco Polo"), ospita un lungo commento, a firma di Ding Gang, sui vantaggi strategici che l'Italia potrà avere dall'adesione alla Belt and Road. In particolare, si concentra sui porti. "Il commercio marittimo tra Europa e Asia si sta sviluppando rapidamente", scrive Ding Gang. Il coinvolgimento  nella Bri renderà, a suo parere, i porti italiani come i più importanti dell'area. "I porti greci sono situati alle porte dell'Europa, mentre Trieste e Venezia sono più vicini al suo cuore. Se le navi container potranno arrivare fino ai porti del Nord Italia, il viaggio delle merci verso il cuore dell'Europa sarà più rapido". Non solo. "L'Italia è un grande potere nella regione del Mediterraneo e ha un'influenza strategica. Con l'aiuto degli investimenti e della tecnologia cinese, l'Italia sarà in grado di rafforzare la sua leadership nei trasporti marittimi e innalzare il suo ruiolo strategico regionale".

twitter11@LorenzoLamperti

Commenti
    Tags:
    cina italiaxi jinping in italiabelt & road initiative
    Loading...
    in evidenza
    Wanda Nara, giungla "bollente" Foto che lasciano a bocca aperta

    Lady Icardi da sogno

    Wanda Nara, giungla "bollente"
    Foto che lasciano a bocca aperta

    i più visti
    in vetrina
    Belen: "Sono sparita dai social, è vero, ma c'è un motivo: sono gelosa"

    Belen: "Sono sparita dai social, è vero, ma c'è un motivo: sono gelosa"


    casa, immobiliare
    motori
    Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up

    Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.