A- A+
Geopolitica
Hong Kong, app avvisa i manifestanti. Apple nel mirino in Cina

Hong Kong: Apple sotto accusa per app che avvisa manifestanti

Apple è l’ultimo gruppo statunitense sotto accusa in Cina per il proprio coinvolgimento nelle proteste anti-governative in corso a Hong Kong. L’azienda di Cupertino è nel mirino della stampa cinese per una app che avverte i manifestanti pro-democrazia della presenza della polizia nelle vicinanze.  La app, HKmap.live, è disponibile da sabato scorso, dopo un’iniziale rifiuto della casa madre di renderla disponibile sull’App Store, scrive il South China Morning Post, ed è finita nel mirino del Quotidiano del Popolo, il più importante giornale cinese, che ha accusato il gruppo di Cupertino di essere “incosciente” per favorire le attività illegali dei manifestanti anti-governativi. “Permettendo alla sua piattaforma di dare il via libera a un’app che incita il comportamento illegale, non si preoccupa di danneggiare la propria reputazione e urtare i sentimenti dei consumatori?”, scrive il giornale, organo del Partito Comunista Cinese.

L’articolo è firmato con la sigla “Bolan Ping”, traducibile come “calmare le acque”, uno pseudonimo comparso solo di recente e con il quale sono stati firmati articoli relativi alla questione di Hong Kong. Nell’articolo non si fa, però, menzione del fatto che la stessa app è disponibile anche a chi utilizza il sistema Android, tramite Google Play Store. HKmap.live si avvale della raccolta di informazioni di crowdsourcing per individuare la presenza delle forze dell’ordine e inviare alert ai manifestanti delle presenza degli agenti o di veicoli della polizia e di eventuali incidenti, e fornisce una grafica della Regione Amministrativa Speciale continuamente aggiornata.    

La Apple “si fa complice dei rivoltosi?”, scrive il Quotidiano del Popolo. “Nessuno vuole trascinare la Apple nelle persistenti agitazioni di Hong Kong”, prosegue il giornale, “ma le persone hanno il diritto di assumere che la Apple mischi affari e politica e persino azioni illegali”, e l’azienda di Cupertino, è la conclusione, “deve pensare alle conseguenze della sua decisione imprudente e avventata”. Apple è solo l’ultimo gruppo Usa a finire nel mirino della Cina sulla questione delle proteste di Hong Kong: oltre a tutto il basket Usa, sotto accusa per un tweet pro-proteste del general manager degli Houston Rockets, Daryl Morey, nelle scorse ore anche il gruppo del lusso Tiffany era finito nel mirino delle polemiche per una campagna pubblicitaria giudicata offensiva dai consumatori cinesi per un presunto implicito sostegno alle proteste anti-governative.

Commenti
    Tags:
    hong kongapplecinamanifestanti
    Loading...
    in evidenza
    Dayane Mello avvisa Belen "Antinolfi stava già con me"

    "Apri gli occhi"

    Dayane Mello avvisa Belen
    "Antinolfi stava già con me"

    i più visti
    in vetrina
    Raffaella Fico, foto col nuovo fidanzato: il ricco imprenditore Giulio Fratini

    Raffaella Fico, foto col nuovo fidanzato: il ricco imprenditore Giulio Fratini


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    FCA: in luglio fino 10.000 € di bonus per l'acquisto di un auto del gruppo

    FCA: in luglio fino 10.000 € di bonus per l'acquisto di un auto del gruppo


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.