A- A+
Geopolitica
Salvini, riavvicinamento con Castaner. Ma l'amico di Parigi attacca in Libia

Dai migranti ai gilet gialli fino alla Libia. Sembrava che Italia e Francia potessero andare finalmente d'amore e d'accordo, leggendo le parole di Matteo Salvini battute dalle agenzie di stampa dopo l'incontro con il ministro dell'interno francese Christophe Castaner al G7 di Parigi. Il titolare, parlando di "nuovo asse tra Roma e Parigi", aveva addirittura previsto una "normalizzazione" della situazione in Libia, per "l'interesse di tutti".

LIBIA, HAFTAR ATTACCA TRIPOLI. SALTA LA CONFERENZA NAZIONALE DEL 14-16 APRILE

Tutto fantastico. A parole. Peccato che nel frattempo il generale Haftar, grande amico di Parigi, stesse avanzando verso Tripoli con l'obiettivo dichiarato di prendere il controllo della capitale sottraendolo a Serraj, il presidente riconosciuto dall'Onu (e dall'Italia). Con tanti saluti all'annunciata conferenza nazionale prevista per il 14-16 aprile, durante la quale si auspicavano altri passi avanti sulla transizione in vista di elezioni generali e presidenziali che, a questo punto il condizionale è più che d'obbligo, si sarebbero dovute tenere entro l'anno.

LIBIA, GLI INTERESSI ITALIANI MESSI A RISCHIO DALL'AMICO DI PARIGI

Solo ben dopo la fine dell'incontro tra i ministri dell'Interno Salvini ha espresso preoccupazione per l'evoluzione dei fatti in Libia. Durante l'amichevole tete-à-tete Castaner e Salvini sembravano allineati come non mai. Insomma, l'Italia è sembrata cascare ancora una volta dal classico "pero" su quanto accade in Libia, paese quantomai strategico per gli interessi italiani. Sia in materia economica (vista la massiccia presenza di nostre imprese in territorio libico), sia in materia politica, vista la vicinanza geografica e il ruolo svolto da Tripoli sulla questione migranti.

ITALIA NON INFORMATA DELL'AZIONE DI HAFTAR. VIA LIBERA DI FRANCIA ED EMIRATI?

Eppure, mentre l'Italia non viene informata, il generale Haftar avanza mandando a monte i colloqui distensivi degli scorsi mesi, con il vertice di Palermo prima e quello di Abu Dhabi poi. E, secondo il sito Libyastudies, che cita fonti diplomatiche, prima dell'azione di Haftar si sarebbe tenuto un vertice a Bengasi (maggiore centro della Cirenaica, area in mano alle milizie del militare) sotto comando francese. Un vertice nel quale sia la Francia, che in realtà in via ufficiale chiede di cessare le ostilità, sia gli Emirati Arabi Uniti avrebbero dato il via libera. Parigi e Mosca, comunque, negano qualsiasi coinvolgimento o sostegno all'azione di Haftar e anzi auspicano che "non si sparga altro sangue".

twitter11@LorenzoLamperti

Commenti
    Tags:
    libiasalvinicastanerlibia notiziegenerale haftar
    Loading...
    in evidenza
    Dayane Mello avvisa Belen "Antinolfi stava già con me"

    "Apri gli occhi"

    Dayane Mello avvisa Belen
    "Antinolfi stava già con me"

    i più visti
    in vetrina
    Raffaella Fico, foto col nuovo fidanzato: il ricco imprenditore Giulio Fratini

    Raffaella Fico, foto col nuovo fidanzato: il ricco imprenditore Giulio Fratini


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    FCA: in luglio fino 10.000 € di bonus per l'acquisto di un auto del gruppo

    FCA: in luglio fino 10.000 € di bonus per l'acquisto di un auto del gruppo


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.