A- A+
Geopolitica
Von der Leyen: nobile, merkeliana, atlantista, dura con la Russia: chi è la nuova leader dell'Ue

La Russia è sempre stata nel suo destino, sin da quando i suoi avi fecero una fortuna commerciando commerciando con lo zar alla fine del diciannovesimo secolo. Ora Ursula von der Leyen, nuova commissaria europea, potrà far valere dal prestigioso scranno di Bruxelles la sua posizione molto più dura dei suoi predecessori su Mosca.

ORIGINI NOBILI, AMICIZIA CON LA MERKEL

Lungi dall'essere quel nome di "rivolta" che i movimenti sovranisti auspicavano, la von der Leyen è in realtà una aristocratica dal sangue blu, discendente di un barone di Brema (città-Land nel nord della Germania) che diventò ricco proprio commerciando con la Russia. Due volte ministro della Difesa, von der Leyen non è solo una grande alleata politica di Angela Merkel ma anche una sua amica personale. Un rapporto costruito e solidificatosi negli anni e che ora la cancelliera potrà utilizzare durante il suo "regno" europeo.

MEDICO, SETTE FIGLI: LA CARTA A SORPRESA DOPO WEBER

Medico, 61 anni e sette figli, von der Leyen è una figura centrale nella Cdu. In molti negli scorsi mesi si erano chiesti come mai la Merkel non avesse puntato su di lei per il futuro del partito del quale ha lasciato il timone in vista dell'annunciato ritiro previsto nel 2021. Ora arriva la spiegazione. Evidentemente la von der Leyen era uno di quei nomi da tirare fuori a tempo debito, dopo aver bruciato l'improbabile Manfred Weber sull'altare delle trattative con l'irruente Emmanuel Macron e il sempre più influente Sanchez.

DONNA, RIGORISTA, EUROPEISTA: I PUNTI A FAVORE

Ecco che allora von der Leyen diventa il nome che può andare bene (quasi) a tutti. Primo elemento a suo favore: è una donna, e favorisce così l'auspicata svolta rosa in cima alla piramide decisionale dell'Ue. Secondo elemento: è rigorista in materia fiscale, cosa che la rende apprezzabile tra i paesi del Nord Europa. Terzo elemento: è fortemente europeista, tanto da aver più volte auspicato la realizzazione degli Stati Uniti d'Europa da un punto di vista politico ma anche difensivo, fattore che la rende digeribile dai liberali di Macron e dai socialisti di Sanchez e Costa. 

LA POSIZIONE CRITICA SULLA RUSSIA

Last but not least, von der Leyen negli ultimi anni ha assunto una posizione molto critica sia nei confronti della Russia di Vladimir Putin sia nei confronti degli Stati Uniti di Donald Trump. Il ministro della Difesa tedesco ha più volte richiamato Mosca a "giocare secondo le regole" sull'Ucraina ma soprattutto ha auspicato un rafforzamento della Nato, che nella sua visione non è solo un'alleanza militare ma anche un'alleanza politica. 

VON DER LEYEN PIACE A VISEGRAD, UN PO' MENO A TRUMP

Una posizione che piace certamente ai paesi di Visegrad i quali, tranne l'Ungheria, vedono l'ingombrante vicino russo come una minaccia incombente in seguito alla guerra in Crimea. Una posizione che solo a un'analisi superficiale può piacere davvero a Donald Trump. Washington sta infatti cercando da tempo di cementare l'alleanza con il blocco nord orientale dell'Europa utilizzando la minaccia russa, cercando di evitare la realizzazione di un'Ue pienamente autonoma a livello politico e difensivo, e a guida tedesca.

L'OBIETTIVO DELLA MERKEL

Mentre in tanti davano per spacciata la Merkel, il nome di von der Leyen potrebbe invece rivelarsi la fiche decisiva giocata in extremis dalla cancelliera nella speranza di un compimento di un'Ue forte all'interno delle stesse organizzazioni internazionali che, per motivi diversi, Usa e Russia (e in certa parte anche Cina) vedono come un fastidio. Un modo, insomma, per riaffermare l'atlantismo geopolitico dell'Ue ma contemporaneamente mettere all'angolo la politica estera di Trump.

LA POLEMICA CON L'ITALIA SUI MIGRANTI

E l'Italia? A parole la prende bene, ma von der Leyen non era certamente il nome sognato dal nostro governo. Basti ricordare la polemica degli scorsi mesi sui migranti e sulla missione Sophia, con il ministro della Difesa tedesco e futuro presidente della Commissione Ue che aveva accusato Roma di averla sabotata.

twitter11@LorenzoLamperti

Commenti
    Tags:
    nomine ueursula von der leyencommissione europea
    Loading...
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    Dal Covid-19 alla gravidanza I calcoli alternativi di Gallera

    Coronavirus vissuto con ironia

    Dal Covid-19 alla gravidanza
    I calcoli alternativi di Gallera

    i più visti
    in vetrina
    ANNA TATANGELO, BIKINI DA INFARTO. Le foto da urlo in piscina

    ANNA TATANGELO, BIKINI DA INFARTO. Le foto da urlo in piscina


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    FORUM AUTOMOTIVE: il futuro è una mobilità più equilibrata

    FORUM AUTOMOTIVE: il futuro è una mobilità più equilibrata


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.